Lasius fuliginosus: la costruzione di una colonia

Re: Lasius fuliginosus: la costruzione di una colonia

Messaggioda GianniBert » 13/06/2019, 21:00

In questi giorni si stanno schiudendo tutte le uova finora deposte.
Ci sono migliaia di larve affamate e le formiche sono quanto mai attive ed affamate.

Ho osservato una cosa che forse dipende dalla struttura del nido artificiale: la parte superiore del blocco centrale di cartone costruito nel legno, scivola regolarmente verso il basso, tanto che el operaie devono di tanto in tanto ricostruire le stanze superiori.
Credo che questo sia dovuto al fatto che da un lato il cartone si attacca al vetro, e questo è più scivoloso non offrendo un buon ancoraggio alla struttura.
E' già la terza volta da questa primavera che la parte alta del nucleo centrale si "svuota”!
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus nylanderi - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Pheidole tumida - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4333
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Lasius fuliginosus: la costruzione di una colonia

Messaggioda GianniBert » 04/09/2019, 14:50

Si sta manifestando un problema tecnico imprevisto: entrambe le strutture interne in legno si stanno lentamente "abbassando”.
E' come se tutti i ripiani di cartone costruiti dalle formiche nel legno si stessero abbassando lasciando scoperto/aperto il nucleo superiore. In realtà sembra che la causa di questo svuotamento sia dovuta alle scorie che le formiche portano ininterrottamente in arena.

Saltuariamente devo ripulire l'esterno da innumerevoli briciole di quello che sembrerebbe lo stesso materiale triturato che forma il nucleo interno.
Che questo "cartone” abbia una durata nel tempo?
Ho provato a fornire loro diversi materiali, ma nessuno di questi è stato trasportato all'interno a scopo edile, quindi le formiche non sembrano (nel mio caso) attingere all'esterno per costruire la struttura interna.

Probabile che nel nucleo di un albero la trasformazione in padiglioni abitativi possa contare su talmente tanto materiale che questo problema non venga avvertito, oppure che al momento del taglio ed esplorazione di un nido in natura non possa essere registrato, in quanto nessuno sa "cosa c'era prima”.

Di fatto le formiche stanno rosicando ai limiti ogni singola struttura di cartone.
Cosa faranno quando questo sarà ridotto ai minimi termini? Lo sostituiranno, o torneranno semplicemente ad abitare i locali in gasbeton come all'origine?
Devo provare a introdurre in qualche modo materiale da costruzione, magari segatura o simili?

Che ne dite?

Spoiler: mostra
2019-08-28 17.41.48.jpg
La struttura nella parte superiore del nido, si nota come il cartone sia molto scuro ed estremamente lavorato... Notate anche alcune celle piene di detriti diversi, sono quelle dove le larve stanno filando il bozzolo...
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus nylanderi - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Pheidole tumida - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4333
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Lasius fuliginosus: la costruzione di una colonia

Messaggioda GianniBert » 15/10/2019, 18:15

Per quanto le temperature siano lievemente calate nelle ultime due settimane, la colonia non accenna a rallentare l'attività, anche se registro un debole calo di presenze in arena rispetto alla piena estate.
Nel nido ci sono ancora tantissime larve in crescita, e se la colonia ricalca gli stessi comportamenti dell'anno scorso, sarà necessario un abbassamento delle temperature maggiore prima che le operaie cessino di uscire a foraggiare. Per ora sia carboidrati che proteine sono ancora fortemente ricercate.

La struttura interna si è annerita e ritirata verso il basso ancora un poco. Lì portano soprattutto bozzoli, le larve adesso stazionano soprattutto nelle stanze in gasbeton originali.
E' mia intenzione portare quanto prima il nido nel garage in cortile, in modo da rallentare ulteriormente la crescita della covata, e immobilizzare le formiche per l'autunno che non sembra ancora deciso ad arrivare. Le temperature esterne non rendono sotto i 10 gradi nemmeno di notte qui a Milano.
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus nylanderi - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Pheidole tumida - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4333
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Lasius fuliginosus: la costruzione di una colonia

Messaggioda GianniBert » 20/04/2020, 21:03

Siamo usciti ormai da un pezzo dall'inverno e la colonia si è risvegliata regolarmente.
Il problema del collasso della struttura interna sembrava rimasto insoluto, almeno nel mese e più dall'autunno scorso, ma devo segnalare alcune novità: da qualche giorno le formiche hanno ripreso a costruire, anche se inizialmente all'esterno del nido, cioè in arena all'uscita del nido.

Di fatto hanno cominciato a elaborare i materiali esterni e formare una sorta di strato fungino con struttura simile a quella interna.
Confrontandomi con Angelo Cardillo per stimolarle a costruire internamente avevo iniziato a fornire materiali edili di tipi diversi:segatura, cotone e anche carta igienica! Non solo sembra abbiano finalmente accettato di manipolare queste sostanze, ma oggi hanno cominciato trasportare dentro schegge di legno e carta. Subito dopo mi sono accorto che già da tempo avevano cominciato a rinforzare il nucleo centrale come non facevano dall'estate scorsa!

Spoiler: mostra
Lfuliginosus 01.jpg
L'accozzaglia di materiali diversi in arena e i primi abbozzi di costruzione

Lfuliginosus 02.jpg
Un "cupolino” puzzle costruito accanto al vetro...

Lfuliginosus 03.jpg
... La ripresa dei lavori dentro il nucleo del nido.


Sono ora tentato da continuare a stimolarle inserendo direttamente dal foro di entrata materiale fine da costruzione... cosa faranno allora?

Spoiler: mostra
Lfuliginosus 08.jpg
Le formiche portano dentro schegge di segatura.

Lfuliginosus 07.jpg
In tutto questo, non trascuriamo la presenza delle solite larve "ondeggianti” numerosissime fin dalla prima settimana dal risveglio, in parte presenti già dall'autunno scorso...
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus nylanderi - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Pheidole tumida - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4333
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Lasius fuliginosus: la costruzione di una colonia

Messaggioda GianniBert » 04/05/2020, 23:11

Posso aggiornare il mio diario e le mie osservazioni con un nuovo importante passaggio: come avevate capito leggendo fin qui, il vecchio nido mi stava lasciando insoddisfatto.
Le formiche non si comportavano come avrei voluto, e questo forse, a causa della struttura in cui erano alloggiate. Come sempre i miei nidi si evolvono, e anche questa volta ho fatto un passo avanti e sto sperimentando un nuovo modello che forse soddisferà le mie esigenze di osservatore.

Spinto dalle difficoltà di gestire gli spazi interni e di veder costruire a dovere il loro cartone fungino, ma anche con l'intenzione di limitare i problemi di gestione dell'umidità e di fuga delle formiche, ho provato a costruire un nido ancor più somigliante nella gestione delle stanze a quello che troviamo in natura.
Ne è nato un modello che ancora non è perfetto, anche perché, bloccato in casa da covid-19 e con quasi tutti i centri da bricolage chiusi, ho dovuto arrabattarmi con quello che avevo in casa.

L'unica cosa che ho potuto procurarmi è stato un bel foglio di sughero pressato, che nella mia fantasia dovrà servirmi da nucleo del nido.
Ho tagliato in tre sezioni 19 x 50 il foglio di sughero, poi le ho incollate, ottenendo un foglio di 22 mm di spessore.
Poi ho sezionato la parte centrale estraendo il nucleo, per creare uno spazio vuoto che simulasse l'interno di un tronco vuoto. I bordi dovevano simulare lo spessore sano del tronco, così li ho scavati col Dremel in modo da ottenere un simil-nido come avevo fatto nel gasbeton del nido precedente.

Poi ho rinforzato con due assicelle i lati sottili del nido in modo da creare due binari, in cui avrei incastrato le vetrate, che anche in questo caso saranno di plexiglas (non ho vetri adatti, non posso farmeli tagliare, e non so nemmeno se sia il caso di usare il vetro: non so come si comporterà il sughero con l'umidità! Si gonfierà? Il vetro potrebbe rompersi, mentre il plexiglas si adatta...).

Lfuliginosus 010.jpg
Il lato A del nuovo nido con il nucleo centrale scavato

Lfuliginosus 12.jpg
Un particolare delle gallerie scavate col Dremel. Sicuramente il sughero si presta per un simile lavoro, è stato facile lavorarlo, anche se ha prodotto tonnellate di polvere sottile, inoltre c'era la difficoltà di fare stanze e gallerie non troppo grandi, cosa che ha limitato il lavoro: gli strumenti di scavo non sono miniaturizzati!


Dopo aver fissato una delle pareti trasparenti, ho inserito strategicamente dei tasselli di legno di varia misura nello spazio vuoto. Serviranno a creare dei punti di resistenza: se le formiche costruiranno anche qui il loro cartone, questa volta non potrà scivolare verso il basso! I tasselli serviranno da ancoraggio e non ostacoleranno il passaggio delle formiche.

A questo punto ho inserito nello spazio rimasto una gran quantità di segatura. Un po' ho usato la polvere di sughero ricavata dallo scavo, un po' ho usato segatura di un vecchio albero, che ho raccolto tempo fa mentre giravo in un parco.
Non so se le formiche elaboreranno la segatura come hanno fatto col legno marcio del nido precedente: è un azzardo, ma non ho altro materiale idoneo per riempire lo spazio vuoto, a meno di usare carta e cartone, oppure cotone. So che L. fuliginosus usa anche questi materiali, ma io voglio tentare la strada del legno puro.

Lfuliginosus 13.jpg
Inserimento del materiale mobile da costruzione... se loro mi faranno il piacere di usarlo!!!


Una volta chiusa e ben fissata con dei tasselli di legno incollati ai "binari” di legno, ho dotato il tutto di un piedistallo sempre in legno. Questo mi servirà come supporto per fissare tutta la struttura al pavimento dell'arena, perché questo nido sarà al centro di una arena (come quello che ho fatto per le Messor).
Ho così fatto due buchi nel pavimento dell'arena, ho fissato con delle viti il basamento di legno, poi ho colato del gesso colorato tutt'attorno, cercando di rendere il terreno mosso e addobbandolo con qualche ramo e sassi.

Lfuliginosus 16.jpg
La struttura fissata e installata in una arena recuperata da un vecchio impianto. Non avevo la possibilità di farmene una nuova migliore!


Così oggi ho finalmente collegato il nuovo nido.
In pochi minuti l'arena pullulava di formiche, e poche ore dopo le operaie stavano già creando cunicoli nella segatura. Ora sto andando a letto con la speranza che l'arena non abbia falle e che la mattina mi porti buone notizie, tipo che le operaie hanno già trasferito un po' di covata nella nuova casetta... :-D

Lfuliginosus 22.jpg
Le formiche esplorano la struttura. Ci metteranno poco a trovare il foro di entrata e ad esplorare le stanze...

Lfuliginosus 25.jpg
Prese da un irrefrenabile desiderio di ordine e pulizia, le formiche cominciano, ognuna per conto proprio, a riorganizzare la struttura... Speriamo bene!

Lfuliginosus 20.jpg
E' tutto un gran richiamare gente al lavoro nel nuovo territorio appena scoperto... nel vecchio nido c'è fermento, e si sposta la covata, ma nessuna formica ha ancora pensato di portare larve o bozzoli nella terra promessa.
Allegati
Lfuliginosus 24.jpg
Si delimitano le prime gallerie...
Lfuliginosus 27.jpg
Questa è una delle strutture che le formiche hanno costruito all'esterno del nido, in arena del vecchio nido... si capisce cosa hanno usato? Ve lo dico io: segatura, cotone e carta igienica (pulita)
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus nylanderi - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Pheidole tumida - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4333
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Lasius fuliginosus: la costruzione di una colonia

Messaggioda GianniBert » 31/08/2020, 11:52

Dai primi di maggio non ho più aggiornato il diario... credevate che vi avessi abbandonati? O che la colonia fosse deperita? Niente di tutto questo!
Ho avuto troppe cose da fare e dovevo scegliere se accudire le colonie o scrivere la loro cronaca. Ho scelto ovviamente le colonie. Ma sono successe tante cose in questi mesi e ora ve le racconto.

Intanto una sorpresa: nonostante la presenza di un nuovo nido ben riscaldato e umidificato, le formiche hanno ripreso a costruire il cartone fungino anche nel nucleo del vecchio nido, aggiungendo piani sopra la vecchia struttura.
Questo significa che nel bisogno hanno saputo importare materiale dall’esterno e questo potrebbe ripetersi.

Spoiler: mostra
Lfuliginosus 30c.jpg
Il vecchio nido con il nucleo in cartone sta per essere restaurato e ricostruito.


La comparsa di moltissime uova nelle stanze cartonate mi ha fatto capire che anche la regina si era trasferita, e mi aspettavo un utilizzo maggiore delle stanze periferiche nel sughero, invece, forse perché il sughero era troppo asciutto, o le stanze troppo piccole per le loro esigenze, le formiche hanno popolato soprattutto il nucleo centrale, in cui hanno iniziato subito a costruire grandi cantieri di scavo. Non che non abbiano popolato anche le stanze di sughero (come si vede sotto), ma lo hanno fatto soprattutto quando erano nei pressi del cartone umido.

Spoiler: mostra
Lfuliginosus 37.jpg
Una massa di uova appena deposte testimonia il trasferimento della regina.

Lfuliginosus 39.jpg
Altro gruppo di uova posizionato nel nucleo centrale.


Avevo lasciato seccare il vecchio nido, e questo ha contribuito a far spostare il 90% della popolazione in circa 10 giorni, ma per un lungo periodo il nucleo vecchio non è stato mai del tutto abbandonato.
Nel nido nuovo, la covata è stata spostata più volte in cerca del posto più adatto per umidità e calore, mentre dopo un mese circa di assestamento, le formiche hanno ripreso a masticare ed elaborare la base di segatura del nucleo interno e a riprodurre il fungo, con mia grande soddisfazione!

Spoiler: mostra
Lfuliginosus 44a.jpg
La struttura di cartone fungino comincia a formarsi nel nucleo centrale di segatura, in parte svuotato.

Lfuliginosus 45.jpg
Come si è modificata la struttura superiore, e lo stato della covata di bozzoli a giugno.


Quello di cui non avevo tenuto in debito conto è stata la grande quantità di acqua richiesta dalle formiche per assolvere a questo compito. Questo non è andato ad influire sullo spessore della segatura masticata, che si adattava perfettamente allo spazio vuoto centrale, né alla struttura periferica di sughero che, come avevo sperato, non si è gonfiata nonostante il ristagno di umidità!
Il guaio è venuto proprio dai tasselli che dovevano tenere bloccate le pareti di plexiglas, fissati internamente e collegati alle lastre con le viti, ma soprattutto al materiale di riporto che le formiche hanno usato qua e là come tappa-fessure e che in realtà si è trasformato ovunque in un “cuneo” che allargando gli interstizi, ha dato spazio a ulteriori colate di materiale.
Così verso metà giugno si è creata una voragine che ha scollato il plexiglas nella parte alta del nido, quella che non avrei mai pensato fosse la più vulnerabile.
Le formiche non potevano scappare, ma il danno sarebbe solo aumentato nel tempo, con conseguenze imprevedibili senza contare il fattore estetico, non disprezzabile se si vuole usarlo in una esposizione, e senza contare la pura difficoltà di osservazione dell’interno (le formiche riempivano di volta in volta le falle con altro materiale).

Così ho deciso che dovevo operare un nuovo trasloco.
Il lock-down era finito e potevo anche andar fuori a reperire materiali migliori e adatti a ovviare gli errori del primo prototipo, ma ormai ero scoraggiato e anche un po’ arrabbiato con me stesso per aver sottovalutato un problema tutto sommato prevedibile. Così ho deciso di tornare al buon vecchio gasbeton, dove almeno sapevo che le formiche si erao ben adattate e che non dava problemi di gestione in quanto a umidità. Il nuovo nido stavolta non non avrebbe presentato una sola grande stanza piena di legno, che avrebbe potuto alla lunga essere svuotata e in cui il cartone sarebbe scivolato verso il basso, ma una serie di stanze ampie, profonde e alte, che sarebbero servite da scheletro per il nucleo delicato del cartone.

Spoiler: mostra
Lfuliginosus 30d.jpg
La struttura di gasbeton "nuda” con le ampie stanze centrali. Ampie per delle Lasius.

Lfuliginosus 30e.jpg
Il nuovo nido con il nucleo centrale ampio, ma non completamente vuoto, dopo che avevo inserito la segatura come materiale da costruzione.


Ho usato il solito blocco a doppia facciata, 60x25, con gallerie e stanze piccole perimetrali, con un cuore arioso ricco di sostegni, ben stipati di segatura pressata al meglio e ben inumidita. Ho scavato, colorato e riempito il nido e il 6 luglio ho collegato il nuovo nido riscaldandolo e inumidendolo per bene, inoltre ho messo beveroni, tazze di alimenti fluidi e prede proteiche nella nuova arena.

Le formiche si sono riversate freneticamente nel nuovo territorio, esplorandolo e colonizzandolo tutto in poche ore. Hanno messo a soqquadro gli strati di segatura ricavando camminamenti, ma senza intenzioni apparenti di utilizzare il nucleo come nido. Questa cosa me l’aspettavo: le formiche hanno utilizzato lo spazio abbondante a loro disposizione in un nido più grande, con stanze pulite, calde e asciutte, in cui portare la covata che più ne aveva bisogno (prima i bozzoli e le uova); hanno usufruito di tutto lo spazio di cui avevano bisogno, e nel gasbeton ce n’era parecchio in più che nel nido di sughero! Così non sono passate subito alla fase laboriosa di colonizzare il legno centrale. Ero sicuro che quello sarebbe venuto poi, appena la popolazione avrebbe cominciato a spingere verso nuovi spazi necessari, come aveva fatto nei due nidi precedenti.
Quello che mi serviva ora, era avere la certezza che la regina si fosse trasferita prima di disabilitare il nido in sughero pieno di falle.
La conferma l’ho avuta con la comparsa di ingenti quantità di uova nelle stanze alte del nuovo nido; ho visto che in questa specie quando la regina depone, le uova vengono tenute in stasi vicinissimo alla sua stanza di deposizione. Segno che la regina c’era e le condizioni erano ideali. Le operaie non abbandonano mai la regina, che se ne sta circondata da uno stuolo di nutrici; nel vecchio nido c’erano ancora un po’ di bozzoli, ma non c’erano ammassi di operaie o di uova, ed essendo il nido stretto di spessore c’erano pochi posti in cui nascondersi, così ho atteso ancora una settimana, poi ho staccato i collegamenti e aperto le vetrate del vecchio sughero. Covata non ce n’era proprio più!

Spoiler: mostra
Lfuliginosus 48.jpg
Uova appena schiuse, ben distese a formare un tappeto esteso su almeno due stanze visibili.

Lfuliginosus 51.jpg
Un altra stanza di larvate più grandi. E' sempre impressionante come queste formiche tengano divisi gli stadi di crescita della covata, che non viene mai abbandonata a sé stessa.


Ho sbaraccato tutti i settori di cartone, verificato meglio e poi isolato e lasciato senza pentimenti il prototipo sotto un getto di acqua che ha finito di ripulire la struttura.
In data 30 agosto, ci sono stanze e stanze di covata a tutti gli stadi. Le formiche stanno crescendo settimana dopo settimana in numero, sapienza, bontà e bellezza, e da alcuni giorni stanno esplorando e rimestando gli strati di segatura finora ignorati. Non dispero che presto o tardi io possa individuare settori in chui questa segatura venga impastata, masticata e trasformata, e una nuova fase della vita di questa colonia abbia inizio.

Durante questi mesi l’alimentazione è stata alternata in questo modo: ogni due settimane circa, uovo sodo (tuorlo od albume, indifferentemente) in piccole fette da 1/2 cm o meno. Nel frattempo, blatte morte (fino a 6 al giorno, grandi!), cavallette e camole (quando ne ho), e nel secondo ciclo, invece dell’uovo, paté di pollo e tacchino per cani (a chi interessasse, uso Cèsar, scatoletta rettangolare in alluminio).

Quanto ai carboidrati, ormai ho rodato per tutte le mie colonie un semplice miscuglio comprendente zucchero bianco, zucchero di canna (70 vs 30%), un cucchiaio di miele e un pizzico di sale. Mescolo bene il tutto con acqua tiepida fino a scioglimento. Lo tengo in frigorifero e ne somministro qb in numerose tazzine in giro per l’arena. Quando le tazzine (tappi di bottiglia o capsule petri) vengono sporcate e riempite, vanno tolte e lavate. Quando il miscuglio non viene ripulito come un piatto di pizzoccheri, va tolto e lavato comunque: meglio dare tazze pulite con mistura nuova, altrimenti le formiche dopo un po' lo schifano e tendono a scartarlo.
Questo beverone piace a tutte le specie e dura a lungo.

Per bere, in alternativa alle provette col cotone, da un po’ ho adottato i classici abbeveratori per uccellini, tappati da cotone comunque, perché se no le formiche ci entrano da sotto e annegano, o li sporcano. Durano parecchio e sono più abbordabili delle provette.

La parte superiore del nido, presso l'entrata, è stata circondata dalla solita struttura di cartone e rifiuti, che viene usata anche come solarium (spesso ci portano i bozzoli) ed è un buon modo per impiegare il materiale espulso. Questa "cupola” è cresciuta relativamente in larghezza e altezza; non so se avrà un seguito, ma le formiche la mantengono "viva”.

Spoiler: mostra
Lfuliginosus 47.jpg
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus nylanderi - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Pheidole tumida - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4333
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Lasius fuliginosus: la costruzione di una colonia

Messaggioda Davrin » 31/08/2020, 12:49

Che diario meraviglioso, la specie di Lasius più bella ed interessante di tutte è tornata a farsi sentire! Ora che ho diverse coloniette di Lasius potrò provare anch'io a far fondare seriamente una regina! Coviddì permettendo, avremo l'occasione di vedere questa Big colonia all'Entomodena di settembre?
Spoiler: mostra
Regine in fondazione e colonie varie:
Colonietta Camponotus lateralis;
Colonietta Camponotus vagus;
Colonietta Colobopsis truncata;
Regina Crematogaster scutellaris;
Colonietta Formica sp.;
Colonietta Lasius brunneus;
Colonietta Lasius emarginatus;
Colonietta Lasius niger;
Colonietta Lasius paralienus;
Colonietta Lasius sp.;
Colonietta Messor capitatus;
Poliginia 4x regine Myrmica rubra;
Colonietta Pheidole pallidula;
Regina Ponera/Hypoponera sp.;
Regina Solenopsis fugax;
Colonietta Tapinoma sp..

Altri insetti:
Mantide gigante asiatica Hierodula tenuidentata - femmina adulta incinta;
Mantide fantasma Phyllocrania paradoxa - femmina adulta.
Avatar utente
Davrin
minor
 
Messaggi: 716
Iscritto il: 16 apr '18
Località: Reggio Emilia
  • Non connesso

Re: Lasius fuliginosus: la costruzione di una colonia

Messaggioda PomAnt » 31/08/2020, 13:12

Gianni, artista e pioniere... :clap:
WOW. :love1:
"L'ultimo passo della ragione, è il riconoscere che ci sono un'infinità di cose che la sorpassano."
Blaise Pascal
Avatar utente
PomAnt
moderatore
 
Messaggi: 2753
Iscritto il: 12 mar '11
Località: Trentino
  • Non connesso

Re: Lasius fuliginosus: la costruzione di una colonia

Messaggioda GianniBert » 01/10/2020, 18:07

Situazione colonia alle soglie dell'autunno 2020: le deposizioni continuano massicce, le formiche cominciano timidamente a modellare la segatura nelle stanze periferiche, ma hanno ancora molto spazio a disposizione, e non sono ancora stimolate a farlo in modo esteso...

Lfuliginosus 59.jpg

Lfuliginosus 60.jpg


Nonostante l'abbassamento delle temperature, la deposizione di così tante uova mi ha sorpreso, eppure ci sono ancora tante stanze di larve e bozzoli, cosa che mi fa calcolare l'aumento degli abitanti di almeno un terzo rispetto ad ora...
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus nylanderi - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Pheidole tumida - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4333
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Lasius fuliginosus: la costruzione di una colonia

Messaggioda GianniBert » 06/10/2020, 19:33

Le uova sono state spostate, o forse c'è stata una nuova, enorme deposizione.
Qui si vedono due stanze con la covata che ho trovato oggi, ma forse ce ne sono altre nella parte nascosta del nido (sul retro, il formicaio oggi non ho potuto girarlo!).

Lfuliginosus 65.jpg
La foto non rende abbastanza. La stanza sotto sembra relativamente piena, ma guardate la foto sotto...


Lfuliginosus 63.jpg
... e provate un po' a contarle!!!
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus nylanderi - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Pheidole tumida - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4333
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Lasius fuliginosus: la costruzione di una colonia

Messaggioda GianniBert » 11/10/2020, 10:24

Confermo che questa covata va ad aggiungersi a quella della scorsa settimana, quindi le uova sono almeno il doppio di quello che si vede, inoltre, sono iniziati grandi lavori nella parte centrale del nido, e le formiche iniziano a spostare, smistare ed elaborare la segatura che occupa le stanze grandi.
Ora vedremo se questo lavoro continuerà anche con il calo avvertibile delle temperature esterne.
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus nylanderi - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Pheidole tumida - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4333
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Precedente

Torna a Lasius

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Mirk8 e 22 ospiti