Come ho costruito il mio primo formicaio

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda Gabry » 20/08/2013, 22:46

Io ho scelto la seconda variante per vari aspetti, alcuni banali altri un po' meno: prima di tutto mi sembrava il più facile da realizzare, preferisco avere un pezzo unico perchè più comodo e meno ingombrante, esteticamente mi piace di più. Quanto poi sia funzionale, ve lo dirò con il tempo; per adesso la mia unica paura è che le Tetramorium buchino il gesso :wacko:
Avatar utente
Gabry
larva
 
Messaggi: 250
Iscritto il: 27 mar '12
Località: Asti
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda Filobass » 20/08/2013, 23:42

XXAIRXX95 ha scritto:io intendevo dire che da un formicaio variante2 ci c' è solo una via di fuga(ovvero superare l'antifuga) mentre in una variante1 sono molte di più, per esempio se scavano una galleria che và per il lato(se il bordo è corto) trovano l' uscita cosa che in una variante 2 non succede perche il formicaio stesso è circondato da plastica o vetro...

Sono d'accordo, per le fughe è funzionale.
Avatar utente
Filobass
minor
 
Messaggi: 514
Iscritto il: 10 mar '11
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda Bremen » 21/08/2013, 4:32

Io non mi esprimo sulla funzionalità, io praticamente non ho ancora nessun formicaio, dopo due anni le mie colonie sono quasi tutte in provetta. Pero una cosa mi viene da dire, secondo me le stanze la prossima volta devi farle diversamente: le hai fatte troppo profonde, e il pavimento è in discesa verso la plastica. Io le farei meno profonde, il pavimento orizzontale il più possibile o comunque con un dislivello verso l'interno in modo che uova o larve vadano verso il centro e non verso la plastica.
In fondazione:
Solenopsis sp.
Piccole colonie:
Camponotus cruentatus
Lasius (Lasius)
Camponotus sp. ( probabile C. barbaricus)
Avatar utente
Bremen
major
 
Messaggi: 2448
Iscritto il: 20 mar '12
Località: Bilbao, Spagna
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda alex71 » 21/08/2013, 20:57

Inoltre il gesso doveva avere sul fondo una colonna centrale poggiante sul fondo dalla quale poteva salire l'umidità dell'acqua mentre nel tuo caso il gesso non poggia sul fondo, però per l'umidità potrebbe anche bastare mettendo l'acqua e aspettare che questa evapori. io ho avuto una brutta esperienza con questi tipi di nidi e infatti li ho buttati via tutti e da allora uso solo il gasbeton. Se vuoi usare un gesso più resistente puoi usare il gesso ceramico molto più duro e resistente.
[b]In allevamento :Camponotus ligniperda; Messor barbarus; Messor capitatus; Camponotus nicobarensis;
Avatar utente
alex71
minor
 
Messaggi: 537
Iscritto il: 4 dic '11
Località: Fano (PU)
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda Gabry » 24/08/2013, 16:38

Bremen ha scritto:econdo me le stanze la prossima volta devi farle diversamente: le hai fatte troppo profonde, e il pavimento è in discesa verso la plastica. Io le farei meno profonde, il pavimento orizzontale il più possibile o comunque con un dislivello verso l'interno in modo che uova o larve vadano verso il centro e non verso la plastica.

si hai ragione me ne sono accorto anche io, con le stanze profonde la visibilità non è il massimo.
alex71 ha scritto:Inoltre il gesso doveva avere sul fondo una colonna centrale poggiante sul fondo dalla quale poteva salire l'umidità dell'acqua mentre nel tuo caso il gesso non poggia sul fondo, però per l'umidità potrebbe anche bastare mettendo l'acqua e aspettare che questa evapori. io ho avuto una brutta esperienza con questi tipi di nidi e infatti li ho buttati via tutti e da allora uso solo il gasbeton. Se vuoi usare un gesso più resistente puoi usare il gesso ceramico molto più duro e resistente.

ho scelto io di non poggiare il gesso sul fondo, dovendo metterci una colonia di Tetramorium lo trovo pericoloso fare un nido particolarmente umido. Le Tetramorium sono abili scavatrici e non avrebbero problemi a bucare del gesso umido. Nella descrizione che ho fatto non l'ho specificato ma il gesso che ho usato è gesso ceramico, si vede bene la scritta "gesso ceramico" nella confezione, si nota nella prima foto :smart: .
Avevo anche valutato il gasbeton, per certi aspetti è più funzionale per un formicaio, ma ha un difetto: è poroso! Questo vuol dire che è adatto solo a specie di taglia media - grande, le Tetramorium sono troppo piccole, si infilerebbe nei buchi :cop:
Avatar utente
Gabry
larva
 
Messaggi: 250
Iscritto il: 27 mar '12
Località: Asti
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda entoK » 25/08/2013, 22:37

Caspita dopo due giorni era ancora morbido e lavorabile?!
Ti è andata bene perché se facevi una miscela molto ristretta e meno liquida avresti faticato molto a scavarlo, io se non ricordo male già dopo mezza giornata di asciugatura avevo faticato molto.

Gabry ha scritto:Per quanto riguarda invece il sistema di umidificazione, ho fatto un piccolo buco con il trapano nella parte inferiore del barattolo, immetto acqua con una siringa da li. Lo stampo posa su 4 pezzi di plastica, così non c'è il rischio di muffa o ruggine e non fanno passare troppa umidità al nido.

Premesso che ho avuto una esperienza abbastanza limitata (meno di un anno in un nido simile), ma secondo me si può anche bagnare il gesso l'importante è farlo a intervalli ben distanti nel tempo: ad esempio io avendo un serbatoio poco capiente (e non lo riempivo neanche ma facevo bagnare il gesso finché si asciugava) lo umidificavo una volta a settimana così le Tetramorium potevano bere direttamente e non restava umido più di 1-2 giorni. Non hanno mai nemmeno accennato a scavare solo rifuggevano moltissimo nelle stanze più in penombra.

GianniBert ha scritto:Io continuo a pensare che questi nidi in barattolo siano pieni di problemi.
Vorrei solo avvertirti che con formiche così piccole (sbaglio o sono Tetramorium?) il rischio che alla lunga si scavino delle gallerie verso l'interno e si nascondano, esiste sempre.
Quando poi vorrai trasferirle, ti voglio vedere a estrarle da lì...
Per il primo probabilmente molto dipende dalle dimensioni della colonia quindi mi fido del fatto che hai più esperienza tu di tutti, però considerato che tanto un formicaio si prima o poi si sporca graffia e così via secondo me per iniziare quella variante va bene e dopo 1-2 anni massimo se ne fa uno nuovo. Voglio sottolineare invece che la seconda cosa che fai notare è un certamente un grosso problema. Infatti, quando io ho avuto la moria non sapevo come estrarle senza fare un macello e l'ho fatto solo quando ormai c'era solo la regina. Ma a meno di imprevisti in cui si ha fretta, penso nella normalità i trasferimenti si possano fare con pazienza e i soliti metodi al pari degli altri.

Il grosso vantaggio è che questi nidi sono piccoli e semplici, per chi ha poco spazio dove tenerli è il massimo, chi non ha queste esigenze ne nota meno i vantaggi, probabilmente. Sul lungo termine con colonie mature è un altro paio di maniche sicuramente immagino..
Avatar utente
entoK
moderatore
 
Messaggi: 2103
Iscritto il: 26 set '11
Località: Val Parma - Emilia
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda Gabry » 07/09/2013, 11:35

Ciao a tutti! vi aggiorno sulla situazione: le formiche stanno benissimo, direi vin troppo e stanno occupando gran parte delle stanze, ma ecco che oggi arriva il mio primo grosso problema: non so come sia possibile ma è successo questo:
Spoiler: mostra
Immagine

Spoiler: mostra
Immagine

Spoiler: mostra
Immagine

Ho colto anche l'occasione per fare la foto ad una stanza :lolz:
Spoiler: mostra
Immagine


Il problema cmq è grosso: le formiche sono arrivate giù nel fondo del barattolo sotto il gesso, e uscivano dal buchino dal quale io spruzzavo l'acqua. Così stamattina ho trovato parecchie formiche gironzolare sulla scrivania. Ho subito chiuso il buco e rimesso le formiche che erano in giro in arena, ma rimangono due enormi quesiti: come cavolo ci sono riuscite? E cosa fare adesso?! Non riesco a capire da dove siano passate, l'unica soluzione che mi viene in mente è quella di collegare un tubo alimentare dal foro di uscita fino su in arena... Oltretutto alcune stanno morendo annegate nell'acqua (nonostante ce ne sia davvero poca)!
Avatar utente
Gabry
larva
 
Messaggi: 250
Iscritto il: 27 mar '12
Località: Asti
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda winny88 » 07/09/2013, 11:56

Dove sono passate è semplicissimo: negli spiragli tra gesso e parete di plastica/vetro. Come si forma questo spiraglio? il gesso asciugando si contrae leggermente. Di solito se il contenitore non è perfettamente cilindrico, ma un tronco di cono, il problema si risolve da solo perché il gesso scende un po' verso il basso. Ma se anche il tuo contenitore è appunto un tronco di cono, mettendo quei fermi di plastica sotto al gesso gli hai impedito di scivolare verso il basso.

Come risolvere il problema? Sono cavoli amari!!!. Per risolverlo definitivamente dovresti solo preparare un nuovo nido. :-?
Avatar utente
winny88
major
 
Messaggi: 8728
Iscritto il: 23 giu '12
Località: Napoli Vesuvio
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda Nimrod » 07/09/2013, 11:58

le formiche amano a scavare nel gesso e cosi forse hanno fatto un tunnel dalla camera più vicina e forse l'umidita e troppo bassa cmq collegare il tubo o trasferiscili,non vedo altre soluzioni senza stress per tutta colonia
Messor capitatus regina+27 operaie+tante uova,larve e pupe
Avatar utente
Nimrod
pupa
 
Messaggi: 425
Iscritto il: 22 giu '13
Località: Rimini(RN)
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda Davrin » 21/12/2019, 19:05

Scrivo qui perché anch'io sono alle prese col mio primo formicaio in gesso. Ho fatto prove in precedenza e con le dosi ci so fare, il problema è uno però, e abbastanza grosso: prima di versare la colata mi sono dimenticato di spalmare l'olio su tutto il vasetto.. :clap: :facepalm:
Me ne sono ricordato dopo e ne ho spalmato un po' nelle pareti superiori alla colata (azione completamente inutile). Ora, ho usato tanto gesso per quel formicaio e l'avevo decorato bene, e ora rischio di perdere tutto. Sapete se ci sono speranze di tirare fuori il gesso (quando sarà solidificato) in qualche modo o è tutto perduto? Grazie mille :happy:
Spoiler: mostra
Regine in fase di fondazione e colonie varie:
Colonietta Lasius paralienus;
Colonietta Camponotus lateralis;
Regina Crematogaster scutellaris.
Avatar utente
Davrin
pupa
 
Messaggi: 349
Iscritto il: 16 apr '18
Località: Reggio Emilia
  • Connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda GianniBert » 21/12/2019, 19:54

Rompere il vasetto...
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus cruentatus - Camponotus barbaricus - Lasius fuliginosus - Camponotus claripes - Lophomyrmex - Pheidole fervens - Diacamma longitudinale - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4205
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda Davrin » 21/12/2019, 20:22

Lo avevo appena comprato! :-( :lol:
Tra le varie prove fatte sono riuscito a togliere lo stampo senza spennellare (è la seconda volta che succede), qui è più grande ma forse c'è qualche speranza... Ci proverò, se riesco vi aggiorno con una bella foto!
Spoiler: mostra
Regine in fase di fondazione e colonie varie:
Colonietta Lasius paralienus;
Colonietta Camponotus lateralis;
Regina Crematogaster scutellaris.
Avatar utente
Davrin
pupa
 
Messaggi: 349
Iscritto il: 16 apr '18
Località: Reggio Emilia
  • Connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda Davrin » 24/12/2019, 15:02

Ho seguito i consigli si Giannibert (non sbagli mai :-D) e dopo aver comprato un barattolo identico ho rotto quello vecchio. Ho modellato poi le stanze con un cacciavite e un pennello, facendo una stanza grande centrale e dei cunicoli laterali; per la profondità delle stanze mi sono basato sulle dimensioni della regina, così che riuscisse a passare agevolmente. Ho decorato la colata con ghiaino, sughero e gusci di noce. Spero vi piaccia e che sia funzionante. Oggi lo tirerò fuori e farò i buchi per l'umidificazione e due in superficie. Come vedete ci sono due entrate, la seconda verrà occultata con del cotone finché la colonia non sarà abbastanza grande. Secondo voi dovrei colorarlo (ospiterà delle Lasius paralienus)? Se si come? Cosa ne pensate?
Allegati
IMG_20191224_135742.jpg
IMG_20191224_135909.jpg
IMG_20191224_135007.jpg
Spoiler: mostra
Regine in fase di fondazione e colonie varie:
Colonietta Lasius paralienus;
Colonietta Camponotus lateralis;
Regina Crematogaster scutellaris.
Avatar utente
Davrin
pupa
 
Messaggi: 349
Iscritto il: 16 apr '18
Località: Reggio Emilia
  • Connesso

Precedente

Torna a Costruire un Formicaio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti