Lasius fuliginosus: la costruzione di una colonia

Re: Lasius fuliginosus: la costruzione di una colonia

Messaggioda GianniBert » 13/06/2019, 21:00

In questi giorni si stanno schiudendo tutte le uova finora deposte.
Ci sono migliaia di larve affamate e le formiche sono quanto mai attive ed affamate.

Ho osservato una cosa che forse dipende dalla struttura del nido artificiale: la parte superiore del blocco centrale di cartone costruito nel legno, scivola regolarmente verso il basso, tanto che el operaie devono di tanto in tanto ricostruire le stanze superiori.
Credo che questo sia dovuto al fatto che da un lato il cartone si attacca al vetro, e questo è più scivoloso non offrendo un buon ancoraggio alla struttura.
E' già la terza volta da questa primavera che la parte alta del nucleo centrale si "svuota”!
Messor barbarus - Messor ibericus - Camponotus vagus - Camponotus cruentatus - Camponotus barbaricus - Camponotus ligniperda - Lasius fuliginosus - Camponotus claripes - Lophomyrmex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4163
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Lasius fuliginosus: la costruzione di una colonia

Messaggioda GianniBert » 04/09/2019, 14:50

Si sta manifestando un problema tecnico imprevisto: entrambe le strutture interne in legno si stanno lentamente "abbassando”.
E' come se tutti i ripiani di cartone costruiti dalle formiche nel legno si stessero abbassando lasciando scoperto/aperto il nucleo superiore. In realtà sembra che la causa di questo svuotamento sia dovuta alle scorie che le formiche portano ininterrottamente in arena.

Saltuariamente devo ripulire l'esterno da innumerevoli briciole di quello che sembrerebbe lo stesso materiale triturato che forma il nucleo interno.
Che questo "cartone” abbia una durata nel tempo?
Ho provato a fornire loro diversi materiali, ma nessuno di questi è stato trasportato all'interno a scopo edile, quindi le formiche non sembrano (nel mio caso) attingere all'esterno per costruire la struttura interna.

Probabile che nel nucleo di un albero la trasformazione in padiglioni abitativi possa contare su talmente tanto materiale che questo problema non venga avvertito, oppure che al momento del taglio ed esplorazione di un nido in natura non possa essere registrato, in quanto nessuno sa "cosa c'era prima”.

Di fatto le formiche stanno rosicando ai limiti ogni singola struttura di cartone.
Cosa faranno quando questo sarà ridotto ai minimi termini? Lo sostituiranno, o torneranno semplicemente ad abitare i locali in gasbeton come all'origine?
Devo provare a introdurre in qualche modo materiale da costruzione, magari segatura o simili?

Che ne dite?

Spoiler: mostra
2019-08-28 17.41.48.jpg
La struttura nella parte superiore del nido, si nota come il cartone sia molto scuro ed estremamente lavorato... Notate anche alcune celle piene di detriti diversi, sono quelle dove le larve stanno filando il bozzolo...
Messor barbarus - Messor ibericus - Camponotus vagus - Camponotus cruentatus - Camponotus barbaricus - Camponotus ligniperda - Lasius fuliginosus - Camponotus claripes - Lophomyrmex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4163
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Precedente

Torna a Lasius

Chi c’è in linea

Visitano il forum: MARCO_79 e 13 ospiti