Diario Camponotus ligniperda: Mafalda

Diario Camponotus ligniperda: Mafalda

Messaggioda tulindo » 16/07/2012, 17:05

Ciao, inizio qui il diario di Mafalda... un bellissimo esemplare di Camponotus ligniperda che mi è stato gentilmente passato da dorylus.

Al solito inizio con un po' di storia. Mafalda è stata trovata il 16 maggio a Olgelasca frazione di Brenna (Parco Brughiera Briantea) a 235m slm. Il 9 giugno è arrivata a casa mia, aveva già qualche uova. L'ho sistemata in un posto buio.

Ecco l'indice del diario.
<<-------------------------Indice------------------------->>
Ultima modifica di tulindo il 12/07/2013, 11:49, modificato 5 volte in totale.
In allevamento:
- Cornelia (Crematogaster scutellaris) con oltre 100 operaie e covata abbondante Diario
- Trilly (Lasius flavus) con oltre 300 operaie e covata
- Mafalda (Camponotus ligniperda) Diario
- Jessica (Lasius emarginatus) con 150 operaie
- Lina (Camponotus herculeanus) con 50 operaie
- Alice (Manica rubida) con 8 operaie
- Ittica (Formica sp.) con 150 operaie
Avatar utente
tulindo
minor
 
Messaggi: 649
Iscritto il: 29 feb '12
Località: Sondrio
  • Non connesso

La fondazione in provetta e le prime operaie

Messaggioda tulindo » 16/07/2012, 17:08

16 giugno 2012

Ho notato la prima larva, e forse un altra molto piccola. Quasi una decina di uova. L'indole della regina sembra molto tranquilla.

26 giugno 2012
Due bozzoli! Cavoli... sono grandissimi! Sembra stia facendo decisamente in fretta!

2 luglio 2012
I bozzoli sono ora 5 e c'è un larvone al quale penso manchi molto all'imbozzolamento. Il volume della covata sembra che sia superiore a quello della regina stessa. E menomale che si dice che la Camponotus ligniperda sia lenta in fondazione ;)
Confrontando con la sorella ( recuperata lo stesso giorno da dorylus ) si nota come questa sia molto più rapida. Ritengo che dipenda dall'ambiente esterno. Forse la brianza è troppo calda per questa specie... qui in Valtellina si trova più a suo agio.

8 luglio 2012
È arrivata la prima ligniperdina... sono tornato da un WE via e l'ho controllata al ritorno di sera. Aveva una operaietta fresca fresca che faticava ancora a reggersi sulle zampe. Sinceramente non me l'aspettavo così presto... e suppongo che tra non molto dovrebbero arrivarne altre!

15 luglio 2012
Le operaie ora sono ben 5 e un paio in arrivo. Non ho larve ma un discreto numero di uova ( quasi 20 ). La colonietta è tranquilla, quasi sempre se ne stanno ferme. Nella provetta vecchia la scorda d'acqua è finita e c'è muffa. Ho anche provato a farle trasferire preparando una provetta nuova ma non paiono sentire ragioni.
Sto comunque preparando un formicaietto sulla falsariga di quello fatto per la C. vagus. Ho migliorato il meccanismo di allargamento progressivo stanze ( per evitare che accedano a stanze non previste cosa che per Tzingara ha fatto il danno ), aprirò la provetta in arena dove ne metterò un altra come riserva d'acqua. Aspetto che sfarfallino gli ultimi due bozzoli e poi procedo aprendo la provetta nell'arena (nella speranza che l'abbandonino presto per il formicaio in sughero) e un altra da usare come riserva d'acqua.

18 luglio 2012
Ecco alcune foto della colonietta dove si nota anche lo stato del cotone interno che per fortuna non è ancora del tutto secco:
Qui si vedono i due bozzoli e il discreto numero di uova
Spoiler: mostra
Immagine
Uploaded with ImageShack.us

In questa i colori sono migliori
Spoiler: mostra
Immagine
Uploaded with ImageShack.us


20 luglio 2012
Tutti i bozzoli sono sfarfallati in operaie, ora la colonia conta di ben 6 operaie in ottima forma!
Una curiosità che per me può dare qualche informazione sulla particolarità di questa specie: un mio collega di Sondrio ( tal CamponotusPipetta sul forum ) verso febbraio aveva acquistato da un sito catanese (indovinate quale ;) :lol: ) una regina di Camponotus ligniperda sciamata presumibilmente l'anno scorso. Questa regina ha fatto le prime uova ai prima di aprile... la cosa curiosa è che le operaie sono nate lo stesso giorno delle mie. Inoltre i suoi bozzoli hanno impiegato oltre un mese a sfarfallare, mentre quelli di Mafalda ci hanno messo meno della metà del tempo.
La maggiore velocità di Mafalda per me è da imputare al fatto che lei, essendo più giovane, ed essendosi trovata da subito nelle situazioni ambientali adatte per la procreazione ha avuto più risorse da dare alla prole rispetto all'altra sicuramente più debole ( presumibilmente si è fatta un anno a stecchetto ).

26 luglio 2012
5 giorni per cambiare provetta... non male direi. Prima si sono decise le operaie che si sono portate dietro la covata. Poi, con un giorno di ritardo si è finalmente anche decisa la regina.
Per il momento ancora in provetta, sto facendo un po' di prove col formicaietto di accrescimento in sughero e gesso ( che proverò a colorare con della torba ).

<<<<-------------------------Indice------------------------->>
Ultima modifica di tulindo il 22/08/2012, 15:17, modificato 9 volte in totale.
In allevamento:
- Cornelia (Crematogaster scutellaris) con oltre 100 operaie e covata abbondante Diario
- Trilly (Lasius flavus) con oltre 300 operaie e covata
- Mafalda (Camponotus ligniperda) Diario
- Jessica (Lasius emarginatus) con 150 operaie
- Lina (Camponotus herculeanus) con 50 operaie
- Alice (Manica rubida) con 8 operaie
- Ittica (Formica sp.) con 150 operaie
Avatar utente
tulindo
minor
 
Messaggi: 649
Iscritto il: 29 feb '12
Località: Sondrio
  • Non connesso

Re: Diario Camponotus ligniperda: Mafalda

Messaggioda Rhebir94 » 16/07/2012, 19:26

Bello l'indice del diario, mi sa che lo farò anch'io :yellow:

Riesci a postarci qualche foto delle tua colonietta?
SPECIE IN ALLEVAMENTO:
Camponotus ligniperda :wow:
Lasius flavus
Aphaenogaster subterranea
Messor capitatus
Solenopsis fugax
Avatar utente
Rhebir94
major
 
Messaggi: 1141
Iscritto il: 4 giu '11
Località: Dronero
  • Non connesso

Re: Diario Camponotus ligniperda: Mafalda

Messaggioda tulindo » 17/07/2012, 9:11

Le foto pensavo di farle ma non ho ancora avuto tempo. Tra qualche giorno le metto in linea.
In allevamento:
- Cornelia (Crematogaster scutellaris) con oltre 100 operaie e covata abbondante Diario
- Trilly (Lasius flavus) con oltre 300 operaie e covata
- Mafalda (Camponotus ligniperda) Diario
- Jessica (Lasius emarginatus) con 150 operaie
- Lina (Camponotus herculeanus) con 50 operaie
- Alice (Manica rubida) con 8 operaie
- Ittica (Formica sp.) con 150 operaie
Avatar utente
tulindo
minor
 
Messaggi: 649
Iscritto il: 29 feb '12
Località: Sondrio
  • Non connesso

Re: Diario Camponotus ligniperda: Mafalda

Messaggioda tulindo » 18/07/2012, 9:35

Ho aggiornato le foto.
In allevamento:
- Cornelia (Crematogaster scutellaris) con oltre 100 operaie e covata abbondante Diario
- Trilly (Lasius flavus) con oltre 300 operaie e covata
- Mafalda (Camponotus ligniperda) Diario
- Jessica (Lasius emarginatus) con 150 operaie
- Lina (Camponotus herculeanus) con 50 operaie
- Alice (Manica rubida) con 8 operaie
- Ittica (Formica sp.) con 150 operaie
Avatar utente
tulindo
minor
 
Messaggi: 649
Iscritto il: 29 feb '12
Località: Sondrio
  • Non connesso

Re: Diario Camponotus ligniperda: Mafalda

Messaggioda tulindo » 20/07/2012, 15:29

Tutti i bozzoli sono sfarfallati in operaie, ora la colonia conta di ben 7 operaie in ottima forma!
Una curiosità che per me può dare qualche informazione sulla particolarità di questa specie: un mio collega di Sondrio ( tal CamponotusPipetta sul forum ) verso febbraio aveva acquistato da un sito catanese (indovinate quale ;) :lol: ) una regina di Camponotus ligniperda sciamata presumibilmente l'anno scorso. Questa regina ha fatto le prime uova ai prima di aprile... la cosa curiosa è che le operaie sono nate lo stesso giorno delle mie. Inoltre i suoi bozzoli hanno impiegato oltre un mese a sfarfallare, mentre quelli di Mafalda ci hanno messo meno della metà del tempo.
La maggiore velocità di Mafalda per me è da imputare al fatto che lei, essendo più giovane, ed essendosi trovata da subito nelle situazioni ambientali adatte per la procreazione ha avuto più risorse da dare alla prole rispetto all'altra sicuramente più debole ( presumibilmente si è fatta un anno a stecchetto ).
Che ne pensate?
In allevamento:
- Cornelia (Crematogaster scutellaris) con oltre 100 operaie e covata abbondante Diario
- Trilly (Lasius flavus) con oltre 300 operaie e covata
- Mafalda (Camponotus ligniperda) Diario
- Jessica (Lasius emarginatus) con 150 operaie
- Lina (Camponotus herculeanus) con 50 operaie
- Alice (Manica rubida) con 8 operaie
- Ittica (Formica sp.) con 150 operaie
Avatar utente
tulindo
minor
 
Messaggi: 649
Iscritto il: 29 feb '12
Località: Sondrio
  • Non connesso

Re: Diario Camponotus ligniperda: Mafalda

Messaggioda Dorylus » 20/07/2012, 17:33

Davvero molto bella ! cresce molto velocemente strano per questa specie !!!
Chissa se realmente si tratta di Camponotus ligniperda Catanese :-D
In allevamento : Camponotus ligniperda, C. cruentatus, C. nylanderi, Formica cunicularia, F. fusca,F. lemani, Polyergus rufescens, Lasius platythorax, Lasius paralienus, Tetramorium caespitum, Temnothorax alienus, T. exilis, T. recedens, Pheidole pallidula
Avatar utente
Dorylus
moderatore
 
Messaggi: 5128
Iscritto il: 11 ott '11
Località: Seveso (MB)
  • Non connesso

Re: Diario Camponotus ligniperda: Mafalda

Messaggioda mdg » 20/07/2012, 21:39

Può essere, ma credo che per "velocizzare" conti anche la temperatura, è quella ad accelerare il metabolismo..che io sappia..., oltre ad infinite variabili conosciute e non, ovvio! :yellow: :mrblu: :mror: :mrvio:
.
Avatar utente
mdg
larva
 
Messaggi: 217
Iscritto il: 5 mag '12
Località: Reggio Emilia
  • Non connesso

Re: Diario Camponotus ligniperda: Mafalda

Messaggioda tulindo » 26/07/2012, 9:59

5 giorni per cambiare provetta... non male direi. Prima si sono decise le operaie che si sono portate dietro la covata. Poi, con un giorno di ritardo si è finalmente anche decisa la regina.
Per il momento ancora in provetta, sto facendo un po' di prove col formicaietto di accrescimento in sughero e gesso ( che proverò a colorare con della torba ).
In allevamento:
- Cornelia (Crematogaster scutellaris) con oltre 100 operaie e covata abbondante Diario
- Trilly (Lasius flavus) con oltre 300 operaie e covata
- Mafalda (Camponotus ligniperda) Diario
- Jessica (Lasius emarginatus) con 150 operaie
- Lina (Camponotus herculeanus) con 50 operaie
- Alice (Manica rubida) con 8 operaie
- Ittica (Formica sp.) con 150 operaie
Avatar utente
tulindo
minor
 
Messaggi: 649
Iscritto il: 29 feb '12
Località: Sondrio
  • Non connesso

Re: Diario Camponotus ligniperda: Mafalda

Messaggioda Rhebir94 » 26/07/2012, 20:00

Fossi in tè le terrei ancora in provetta. Ci sono ancora poche operaie e da quel che si legge in giro ogni trasloco da una provetta ad un formicaio di accrescimento (per una piccola colonia) è un involontario tentativo di uccisione della colonia. :sad1:
SPECIE IN ALLEVAMENTO:
Camponotus ligniperda :wow:
Lasius flavus
Aphaenogaster subterranea
Messor capitatus
Solenopsis fugax
Avatar utente
Rhebir94
major
 
Messaggi: 1141
Iscritto il: 4 giu '11
Località: Dronero
  • Non connesso

Nel formicaietto di accrescimento

Messaggioda tulindo » 06/08/2012, 9:24

6 agosto 2012
Questa mattina mi hanno fatto inc.. :censored:
Per la seconda volta negli ultimi due tentativi di fornire cibo sono scappate ( di certo per lo stress che inevitabilmente causo loro nell'aprire la provetta ). Mi sono entrambe le volte ritrovato con due formiche in giro per casa ( poi riprese ) e la provetta in mano tappata alla buona con il pollice...
Ingestibili... pertanto ho fatto il passo! So che è presto ( sono solo 6 operaie ) ma non ho visto alternative. Approfittando che l'esperimento con il formicaietto di accrescimento in sughero ín una arena fatta con gesso e acqua torbata sembra aver successo ( avrei dovuto aspettare qualche altro giorno ma, a questo punto farò la prova sul campo ) le ho messe li.
Un paio di operaie è subito entrata nel formicaietto e ci ha traslocato la covata ( che era caduta in arena ). La regina si è infilata in uno spazio angusto il formicaio e l'arena ( decisamente inpaurita ) con una operaia che sembra tranquillizzarla. Tre operaie sono restate in provetta. Ho tappato il tutto con una copertina di DVD ( non avevo ancora steso l'antifuga ) e sono dovuto scappare.
In poche ore si sono trasferite tutte nell'unica stanza accessibile.

7 agosto 2012
Ecco una foto con la famigliola nel formicaio. Questa è stata scattata ieri prima che mettessi dei ciottoli che poi hanno usato per tappare leggermente l'ingresso al fine di sentirsi più al sicuro. La stanza misura circa 3x2,5cm
Spoiler: mostra
FormicaiettoMafalda.jpg
Mafalda & C. nel formicaio

Le cose chiare che si trovano all'ingresso sono delle scagliette di gesso che hanno posizionato li praticamente da subito... suppongo per sentirsi più al sicuro.
In alto si può vedere la provetta che ho posizionato per consentire loro di abbeverarsi.

9 agosto 2012
Forse non tutti gli errori vengono per nuocere...questa mattina ho controllato la colonia ed ho notato una larva particolarmente grande. E' già grossa almeno quanto una operaia e anche molto grassa, questo mi fa supporre che la formica che ne nascerà possa essere una media.
Mi viene da pensare che la futura nascita della presumibile media (che mi sembra in anticipo avendo la colonia solo sei operaie) sia stata spinta da una necessità di sicurezza delle operaie: visto che hanno da gestire un ambiente grande relativamente alle loro forze, stanno investendo le energie in un qualcuno che le possa proteggere maggiormente

Per farle sentire comunque più al sicuro ieri ho provveduto a coprire la stanza (e anche parte dell'arena, almeno fino alla provetta con l'acqua) con un tetto in sughero... quando lo levo per osservarle: si agitano e si portano tutte nel punto più remoto della stanza dove ritornano immobili...questo è segno che serve a tenerle più tranquille. La cosa divertente è che se poco dopo levo dinuovo il tappo loro si ribloccano: sembra quasi di giocare a "un due tre... stella!"

13 agosto 2012
Il larvone si è imbozzolato! È più grosso ( ma non di molto ) delle operaie che lo accudiscono. Ci sono altre larve ma di dimensioni normali, ed un discreto numero di uova.
Ho l'impressione che stiano iniziando a prendere fiducia, non ho ancora visto nessuna operaia gironzolare in arena ma in compenso non se ne stanno più tutte rannicchiate lontano dall'ingresso. Un piccolo passo avanti
I bozzoli della prima generazione avevano impiegato 15 giorni per sfarfallare, pertanto suppongo che la colonia dovrebbe avere una "imponente" nuova forza di lavoro.

17 agosto 2012
Preoccupato dal fatto che non escono dalla stanza del formicaio e che pertanto non so se si alimentano e bevono qualche giorno fa ho rotto le barricate che hanno fatto mettendo all'ingresso della stanza un pezzo di camola. Superata l'agitazione dovuta al terribile stuzzicadenti che smontava loro la barricata si sono poi fiondate sulla camola e sul pezzetto di cotone umido. Dopo due giorni ho levato il tutto (causando ancora agitazione)... penso fosse la cosa giusta da fare
Non hanno più ricostruito la barricata. Spero che con la nascita della media risultino più spavalde.

27 agosto 2012
Un piccolo aggiornamento fotografico che ha come protagonista il bozzolone che le operaie hanno tirato su per sentirsi più al sicuro. Si notano anche altre larve di dimensioni più normali.
Spoiler: mostra
bozzolone1.jpg
Il bozzolone
bozzolone2.jpg
Il bozzolone
bozzolone3.jpg
Il bozzolone

31 agosto 2012
Il bozzolone si è aperto! La cosa strana è che non è uscita la media che mi aspettavo ma una minor di dimensioni normali :-( evidentemente lo vedevo più grande di quello che era (la sindrome del pescatore :lol: )

17 settembre 2012
Per loro è ufficialmente iniziato il lungo inverno... ho messo il formicaietto in una scatola di polistirolo e poi il tutto in frigorifero. La temperatura all'interno della scatola è di 9-10 gradi.
:zzz: :zzz: :zzz: :zzz:
Se ne riparla a marzo
<<<<-------------------------Indice------------------------->>
Ultima modifica di tulindo il 12/07/2013, 11:47, modificato 8 volte in totale.
In allevamento:
- Cornelia (Crematogaster scutellaris) con oltre 100 operaie e covata abbondante Diario
- Trilly (Lasius flavus) con oltre 300 operaie e covata
- Mafalda (Camponotus ligniperda) Diario
- Jessica (Lasius emarginatus) con 150 operaie
- Lina (Camponotus herculeanus) con 50 operaie
- Alice (Manica rubida) con 8 operaie
- Ittica (Formica sp.) con 150 operaie
Avatar utente
tulindo
minor
 
Messaggi: 649
Iscritto il: 29 feb '12
Località: Sondrio
  • Non connesso

Re: Diario Camponotus ligniperda: Mafalda

Messaggioda Luca.B » 06/08/2012, 9:47

Era meglio aprire semplicemente la provetta in un'arena. :winky:

Io la mia regina con le sue 3 operaie le ho collocate così e riesco a dargli da mangiare senza alcuno stress evitando anche gli effetti collaterali di un formicaio.

Questa specie, inizialmente, è molto timida e temo che possa non uscire dal formicaio, se non si sentirà molto sicura. :unsure: Comunque ormai quel che è fatto è fatto...ma prima di un formicaio è sempre meglio passare per provetta aperta in arena. :smile:
Formiche in allevamento:
C.herculeanus-C.ligniperda-C.lateralis-C.vagus-C.fallax-Myrmica sabuleti-Dolicoderus quadripunctatus-M.scabrinodis-Messor capitatus-M.wasmanni-M.minor-Temnothorax unifasciatus-Crematogaster scutellaris-Polyergus rufescens-Lasius emarginatus-L. flavus-Lasius niger-Lasius umbratus-Lasius fuliginosus-Pheidole pallidula-Solenopsis fugax
Avatar utente
Luca.B
moderatore
 
Messaggi: 5905
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Modena
  • Non connesso

Re: Diario Camponotus ligniperda: Mafalda

Messaggioda tulindo » 06/08/2012, 10:02

Concordo con te ma mi sono fatto un po' prendere. In ogni caso il formicaio ora ha una sola stanza accessibile (non più grande di 3x3 cm), pertanto la situazione non è molto diversa dalla provetta aperta :unsure:
In allevamento:
- Cornelia (Crematogaster scutellaris) con oltre 100 operaie e covata abbondante Diario
- Trilly (Lasius flavus) con oltre 300 operaie e covata
- Mafalda (Camponotus ligniperda) Diario
- Jessica (Lasius emarginatus) con 150 operaie
- Lina (Camponotus herculeanus) con 50 operaie
- Alice (Manica rubida) con 8 operaie
- Ittica (Formica sp.) con 150 operaie
Avatar utente
tulindo
minor
 
Messaggi: 649
Iscritto il: 29 feb '12
Località: Sondrio
  • Non connesso

Re: Diario Camponotus ligniperda: Mafalda

Messaggioda manuel » 06/08/2012, 10:12

secondo me la soluzione piu veloce e meno traumatizzante, io avrei fatto la stessa cosa nelle tue condizioni... ;)
certo un passaggio alla volta... ma secondo me va bene cosi poi se possiede una sola stanzetta la differenza non è molta ;)
LE MIE COLONIE
Spoiler: mostra
In Allevamento
Camponotus piceus : (regina)+ 17 operaie
Messor structor :(3 regine )+ 500 operaie
Tapinoma.sp :( 6 regine )+ 1000 operaie
Tetramorium.sp : (regina) + 100 operaie
Lasius emarginatus: ( 2 regine )
Avatar utente
manuel
major
 
Messaggi: 1601
Iscritto il: 19 ago '11
Località: Romagna
  • Non connesso

Re: Diario Camponotus ligniperda: Mafalda

Messaggioda mdg » 06/08/2012, 11:20

Anche io in questi giorni ho cambiato abitazione alle mie due C.ligniperda, entrambe hanno 5 o 6 operaie ed ho trasferito le provette aperte in un'arena arredata in maniera spoglia con qualche rametto, però devo dirti che non ho trovato molte difficoltà a nutrirle quando erano in provetta, si raggomitolavano tutte in fondo al cotone umido, con solo un'operaia in avanscoperta verso l'imbocco che avevo aperto. Pensa che in qualche modo riesco a farlo anche con le P.pallidula, ho scoperto che funzionano come le maree... :-D ... all'inizio apri e te le ritrovi ovunque, sulla provetta, nelle mani ecc.., ma se aspetti un minutino immobile, rientrano da sole e puoi chiudere...certo è brigoso, infatti metterò al più presto pure quelle in arena. :-?
.
Avatar utente
mdg
larva
 
Messaggi: 217
Iscritto il: 5 mag '12
Località: Reggio Emilia
  • Non connesso

Prossimo

Torna a Camponotus

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 22 ospiti