Come ho costruito il mio primo formicaio

Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda Gabry » 19/08/2013, 19:02

Ciao a tutti! Seguendo i vari topic del forum mi sono cimentato nella costruzione del mio primo formicaio. Il formicaio è in gesso seconda variante e in linea di massima ho seguito le istruzioni riportate sul sito.
Ecco qua tutto il materiale usato:
Spoiler: mostra
Immagine

Gesso acquistato al BRICO: 1,5 € (o giù di li)
Colorante acquistao al BRICO: 4,5 €
Tubi alimentari di varie dimensioni e lunghezze: 0,84 € (sempre al BRICO)
Barattoli del Mercatone Uno: 3,89€ (l'uno)
L'olio di vasellina lo avevo già in casa ma costa meno di 5€

I barattoli ho faticato un po' a trovarli di una misura che andassero bene, sono andato all'Esselunga, al BRICO, all' OBI e al Mercatone. Dovessi comprarne uno più grosso non saprei dove andare :uhm:

Preparazione:
ho mischiato gesso, acqua e colore dentro un barattolo e mischiato bene il tutto poi ho versato il tutto dentro al mio barattolo. Qui c'è stato il mio primo problema: dopo aver versato mi sono accorto che la colata non bastava per far venire uno stampo della dimensione che volevo, così ho dovuto farne una seconda e buttargliela sopra. Quando poi si è asciugato lo stampo, si vedeva leggermente la differenza di colore che esteticamente non è il massimo.
Spoiler: mostra
Immagine

Dimenticavo, prima di versare il gesso liquido dentro al mio barattolo, ho spalmato la vasellina dentro al barattolo per permettere che lo stampo, una volta asciutto, esca più agevolmente.

Dopo aver aspettato esattamente due giorni ho tirato fuori il mio stampo dal barattolo. Secondo problema: lo stampo non ne voleva sapere di venire fuori! :censored: Ho provato di tutto, ma nulla, gli ho dato tanti di quei colpi per farlo uscire che alla fine dopo quasi mezzora che ci provavo ho rotto il barattolo in plastica :evil: A parte questo inconveniente, con un paio di cacciaviti ho scavato le gallerie nel gesso. Il gesso era ancora morbido, si riusciva a lavorarlo bene. Quindi l'ho tenuto una settimana fermo ad asciugare.

Con il trapano ho fatto due buchi nel barattolo: uno in basso e uno in alto. Quello in basso per il serbatoio dell'acqua, l'altro per infilarci tubi vari ed eventualmente un sistema per far arrivare l'acqua in arena.
Quindi ho preso il mio stampo e l'ho infilato nel barattolo. Ecco il risultato:
Spoiler: mostra
Immagine

Trasferire la colonia all'interno non è stato difficile, gli ho poi aggiunto qualche decorazione nell'arena. Gli ho messo delle pietre e un pezzo di legno (accuratamente lavati e passati al micronde).
Spoiler: mostra
Immagine

Spoiler: mostra
Immagine

Spoiler: mostra
Immagine

Per quanto riguarda invece il sistema di umidificazione, ho fatto un piccolo buco con il trapano nella parte inferiore del barattolo, immetto acqua con una siringa da li. Lo stampo posa su 4 pezzi di plastica, così non c'è il rischio di muffa o ruggine e non fanno passare troppa umidità al nido.
Spoiler: mostra
Immagine

E la colonia? Vi faccio vedere le prime foto che ho fatto subito dopo che si sono stabilite all'interno:
Spoiler: mostra
Immagine

Spoiler: mostra
Immagine

Spoiler: mostra
Immagine

Spoiler: mostra
Immagine

Spoiler: mostra
Immagine

Spoiler: mostra
Immagine

Spoiler: mostra
Immagine

Spoiler: mostra
Immagine

Le formiche si sono raggruppate quasi tutte nella stessa stanza, ma hanno anche iniziato ad occupare quelle vicine, mentre la parte opposta è completamente deserta.

In conclusione, è stato divertente costruirlo, specialmente la parte in cui si scava il gesso, rimango soddisfatto anche se si più migliorare ancora molto, in quelli futuri vedrò di applicare delle migliorie.
Cosa ne pensate?
Avatar utente
Gabry
larva
 
Messaggi: 250
Iscritto il: 27 mar '12
Località: Asti
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda Formandrea » 19/08/2013, 19:21

Molto bello, complimenti :)
Comunque, hai inserito qualche oggetto che possa bloccare l'entrata alle altre stanze?
Cioè per non farle vivere in un ambiente troppo ampio rispetto a loro.
Aforismi:

Spoiler: mostra
“Io penso che tutti dovrebbero studiare le formiche. Esse hanno una sorprendente filosofia in quattro punti. Non arrenderti mai, guarda avanti, sii positivo e fai tutto quello che puoi.”

"Le formiche sono così simili agli esseri umani da creare imbarazzo. Esse coltivano funghi, allevano afidi come mandrie, lanciano eserciti in guerra, usano spray chimici per spaventare e confondere i nemici, catturano schiavi, sfruttano il lavoro minorile, scambiano incessantemente informazioni. Esse fanno tutto meno che guardare la televisione.”
Avatar utente
Formandrea
major
 
Messaggi: 1301
Iscritto il: 24 apr '11
Località: Lombardia, provincia di MB
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda Gabry » 19/08/2013, 19:32

Ci ho pensato, poi essenso il mio primo formicaio non volevo complicarmi troppo la vita :wacko:
Alla fine non ho messo nulla, anche perchè le Tetramorium si adattano a tutto e hanno una crescita molto veloce.
Avatar utente
Gabry
larva
 
Messaggi: 250
Iscritto il: 27 mar '12
Località: Asti
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda XXAIRXX95 » 19/08/2013, 20:20

carino! vorrei costruirne uno anchio per le mie Lasius, ma non riesco a trovare il barattolo! :evil: :evil:
Avatar utente
XXAIRXX95
larva
 
Messaggi: 224
Iscritto il: 24 giu '13
Località: Pontassieve Toscana
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda Gabry » 19/08/2013, 23:02

Io l'ho trovato al mercatone, prova ad indare in qualche negozio o supermercato che venda prodotti per la casa
Avatar utente
Gabry
larva
 
Messaggi: 250
Iscritto il: 27 mar '12
Località: Asti
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda lorenzo87 » 20/08/2013, 9:10

Io ho trovato in giro anche quelli della gio style...ma sono abbastanza costosi, quasi 6 Euro per un barattolo di quelle dimensioni. Costano più che quelli di vetro...
Pheidole pallidula: 30 operaie
Lasius emarginatus: 10 operaie
Plagiolepis sp: Regine in fondazione
---> Diario
Avatar utente
lorenzo87
minor
 
Messaggi: 509
Iscritto il: 15 apr '13
Località: Savignano sul Panaro (MO)
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda GianniBert » 20/08/2013, 9:40

Io continuo a pensare che questi nidi in barattolo siano pieni di problemi.
Vorrei solo avvertirti che con formiche così piccole (sbaglio o sono Tetramorium?) il rischio che alla lunga si scavino delle gallerie verso l'interno e si nascondano, esiste sempre.
Quando poi vorrai trasferirle, ti voglio vedere a estrarle da lì...
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus cruentatus - Camponotus barbaricus - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Lophomyrmex - Pheidole fervens - Diacamma longitudinale - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4286
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda Gabry » 20/08/2013, 15:18

Si sono Tetramorium , però scusa non è che abbia molte altre opzioni...
Avatar utente
Gabry
larva
 
Messaggi: 250
Iscritto il: 27 mar '12
Località: Asti
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda odontomachus » 20/08/2013, 15:28

Io ho in fondazione una colonia di Tetramorium....solo che non volevo metterle nel barattolo.Pensavo più ad un formicaio di gesso,che ne dite? Lo riescono a bucare? :unsure:
Ultima modifica di luca321 il 20/08/2013, 17:52, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Corretta nomenclatura
odontomachus
larva
 
Messaggi: 105
Iscritto il: 20 ago '13
Località: San Martino al Tagliamento (PN)
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda XXAIRXX95 » 20/08/2013, 15:31

GianniBert ha scritto:Io continuo a pensare che questi nidi in barattolo siano pieni di problemi.
Vorrei solo avvertirti che con formiche così piccole (sbaglio o sono Tetramorium?) il rischio che alla lunga si scavino delle gallerie verso l'interno e si nascondano, esiste sempre.
Quando poi vorrai trasferirle, ti voglio vedere a estrarle da lì...


e quindi quale sarebbe meglio realizzare...quelli variante 1?
Avatar utente
XXAIRXX95
larva
 
Messaggi: 224
Iscritto il: 24 giu '13
Località: Pontassieve Toscana
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda GianniBert » 20/08/2013, 15:44

Qualsiasi nido in blocco unico nido-arena per me è controproducente. Questi modelli a colonna sono facili da fare, occupano poco posto, ma li trovo davvero poco funzionali per le mie esigenze, e difficili da gestire per pulizia e traslochi.
Inoltre il rischio di muffe e che le formiche si nascondano, è elevato. Accettabile con il Genere Formica e Lasius, ma non con Messor, Tetramorium, Crematogaster o Pheidole...
E' un mio parere personale, beninteso!
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus cruentatus - Camponotus barbaricus - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Lophomyrmex - Pheidole fervens - Diacamma longitudinale - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4286
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda lorenzo87 » 20/08/2013, 17:29

Secondo me Gianni hai ragione, però secondo me c'è anche l'aspetto fughe da considerare. Se è vero che formicaio e arena separati sono più facili da gestire è però altrettanto pericoloso che formiche piccole e abili nella fuga come Pheidole pallidula trovino un punto dal quale scappare perché gli snodi dove si mette il tubo sono sempre punti deboli. Poi magari mi sbaglio...
Pheidole pallidula: 30 operaie
Lasius emarginatus: 10 operaie
Plagiolepis sp: Regine in fondazione
---> Diario
Avatar utente
lorenzo87
minor
 
Messaggi: 509
Iscritto il: 15 apr '13
Località: Savignano sul Panaro (MO)
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda XXAIRXX95 » 20/08/2013, 18:22

lorenzo87 ha scritto:Secondo me Gianni hai ragione, però secondo me c'è anche l'aspetto fughe da considerare. Se è vero che formicaio e arena separati sono più facili da gestire è però altrettanto pericoloso che formiche piccole e abili nella fuga come Pheidole pallidula trovino un punto dal quale scappare perché gli snodi dove si mette il tubo sono sempre punti deboli. Poi magari mi sbaglio...

quoto

se si usa un antifuga efficace per la specie che ci si mette dentro è inpossibile che scappino....
mentre in un formicaio con arena separeta magari è piu facile che se scavano e trovano un uscita scappino, cosa che con la variante 2 è pressochè inpossibile...
Avatar utente
XXAIRXX95
larva
 
Messaggi: 224
Iscritto il: 24 giu '13
Località: Pontassieve Toscana
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda GianniBert » 20/08/2013, 18:43

XXAIRXX95 ha scritto:....mentre in un formicaio con arena separeta magari è piu facile che se scavano e trovano un uscita scappino, cosa che con la variante 2 è pressochè inpossibile...


Che significa?
Una arena è una arena. La base è uguale a quella del formicaio di tipo 2 e di tutti gli altri.
Dove dovrebbero "scavare”?
Scusate, ma a volte certi ragionamenti mi sfuggono... come le formiche :lol: :lol: :lol: !

Per il problema degli snodi sono d'accordo. La possibilità esiste, se non si fa un lavoro ben fatto.
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus cruentatus - Camponotus barbaricus - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Lophomyrmex - Pheidole fervens - Diacamma longitudinale - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4286
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Come ho costruito il mio primo formicaio

Messaggioda XXAIRXX95 » 20/08/2013, 19:16

GianniBert ha scritto:
XXAIRXX95 ha scritto:....mentre in un formicaio con arena separeta magari è piu facile che se scavano e trovano un uscita scappino, cosa che con la variante 2 è pressochè inpossibile...


Che significa?
Una arena è una arena. La base è uguale a quella del formicaio di tipo 2 e di tutti gli altri.
Dove dovrebbero "scavare”?
Scusate, ma a volte certi ragionamenti mi sfuggono... come le formiche :lol: :lol: :lol: !

Per il problema degli snodi sono d'accordo. La possibilità esiste, se non si fa un lavoro ben fatto.


io intendevo dire che da un formicaio variante2 ci c' è solo una via di fuga(ovvero superare l'antifuga) mentre in una variante1 sono molte di più, per esempio se scavano una galleria che và per il lato(se il bordo è corto) trovano l' uscita cosa che in una variante 2 non succede perche il formicaio stesso è circondato da plastica o vetro...
Avatar utente
XXAIRXX95
larva
 
Messaggi: 224
Iscritto il: 24 giu '13
Località: Pontassieve Toscana
  • Non connesso

Prossimo

Torna a Costruire un Formicaio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Majestic-12 [Bot] e 14 ospiti