Il modo migliore per "ridurre" un formicaio troppo grande!

Re: Il modo migliore per "ridurre" un formicaio troppo grand

Messaggioda Luca.B » 28/08/2012, 23:46

quercia ha scritto:scusate se faccio sempre il bastian contrario....
ho riempito l'arena delle mie M. capitatus e delle C.italicus di sabbia e sassolini, non hanno portato un granello nel nido entrambi i nidi in gasbeton, orizzontale per le prime e verticale per le seconde :unsure:



Non si parla, infatti, di lasciare a loro il compito di farlo (anche le mie colonie studio di Messor non lo hanno fatto)...ma di preparare già noi il formicaio riempendo tutte le celle, eccetto 1 o 2 in base alla dimensione della colonia, con questo tipo di ghiaia.
Man mano che gli servirà posto, la colonia porterà in arena la ghiaia che toglierà dal formicaio...liberando di volta in volta stanze. :smile:

Quindi non usando tappi (facilmente rimovibili) ma riempendo direttamente le stanze di ghiaia.
Formiche in allevamento:
C.herculeanus-C.ligniperda-C.lateralis-C.vagus-C.fallax-Myrmica sabuleti-Dolicoderus quadripunctatus-M.scabrinodis-Messor capitatus-M.wasmanni-M.minor-Temnothorax unifasciatus-Crematogaster scutellaris-Polyergus rufescens-Lasius emarginatus-L. flavus-Lasius niger-Lasius umbratus-Lasius fuliginosus-Pheidole pallidula-Solenopsis fugax
Avatar utente
Luca.B
moderatore
 
Messaggi: 5905
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Modena
  • Non connesso

Re: Il modo migliore per "ridurre" un formicaio troppo grand

Messaggioda guido » 29/08/2012, 11:54

mi sembra una magnifica idea, ma secondo voi le Tetramorium sono capaci di spostare questo tipo di ghiaia?
guido
uovo
 
Messaggi: 78
Iscritto il: 7 lug '12
  • Non connesso

Re: Il modo migliore per "ridurre" un formicaio troppo grand

Messaggioda freccia77 » 29/08/2012, 12:02

In un ipotetico formicaio ibrido come quelli di LucaB con la parte umida in basso, in fondo al nido, e l'arena in alto volendo testare questa soluzione di riempimento del formicaio, le celle subito disponibili alla colonia dovrebbero essere quelle nella zona umida che a questo punto conviene sdoppiare :unsure: . Una zona umida in alto e una in basso; una subito accessibile (in alto), l'altra accessibile dopo che la colonia ha spostato la ghiaia :unsure:
Avatar utente
freccia77
larva
 
Messaggi: 157
Iscritto il: 11 mar '11
Località: Trecate (NO)
  • Non connesso

Re: Il modo migliore per "ridurre" un formicaio troppo grand

Messaggioda Luca.B » 29/08/2012, 16:37

guido ha scritto:mi sembra una magnifica idea, ma secondo voi le Tetramorium sono capaci di spostare questo tipo di ghiaia?


Sono quasi sicuro di si. :smile:
E' molto leggera e ho visto le operaie spostarla tranquillamente per crearsi tappi davanti le provette...quindi non credo abbiano molta difficoltà. Ma devo ancora collaudarlo con specie così piccole...

freccia77 ha scritto:In un ipotetico formicaio ibrido come quelli di LucaB con la parte umida in basso, in fondo al nido, e l'arena in alto volendo testare questa soluzione di riempimento del formicaio, le celle subito disponibili alla colonia dovrebbero essere quelle nella zona umida che a questo punto conviene sdoppiare :unsure: . Una zona umida in alto e una in basso; una subito accessibile (in alto), l'altra accessibile dopo che la colonia ha spostato la ghiaia :unsure:


Esatto...infatti hai perfettamente preannunciato la prossima modifica che apporterà al Formicaio ibrido. :clap: :yellow:

Avrà un inserto di gasbeton sopra (che sarà usato quando la colonia è giovane)...ed uno in basso (da usare quando è invece più matura).
Formiche in allevamento:
C.herculeanus-C.ligniperda-C.lateralis-C.vagus-C.fallax-Myrmica sabuleti-Dolicoderus quadripunctatus-M.scabrinodis-Messor capitatus-M.wasmanni-M.minor-Temnothorax unifasciatus-Crematogaster scutellaris-Polyergus rufescens-Lasius emarginatus-L. flavus-Lasius niger-Lasius umbratus-Lasius fuliginosus-Pheidole pallidula-Solenopsis fugax
Avatar utente
Luca.B
moderatore
 
Messaggi: 5905
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Modena
  • Non connesso

Re: Il modo migliore per "ridurre" un formicaio troppo grand

Messaggioda Metis » 29/08/2012, 17:27

Avrà un inserto di gasbeton sopra (che sarà usato quando la colonia è giovane)...ed uno in basso (da usare quando è invece più matura).


Alternativamente si potrebbe prevedere che l'area bagnata dall'acqua sia lungo il lato del nido e non in una delle estremità. Così una parte del lato risulterebbe sempre bagnata, anche se la maggior parte delle stanze è occupata dal pietrisco. Idealmente si potrebbe infilare un corpo in gasbeton nella colata di gesso che sia forato per il lungo, con il foro che collega verso l'alto o il lato, e che tocchi alcune stanze a tutte le altezze.
Colonie:

Messor barbarus ( regina + 300 operaie )
Crematogaster scutellaris ( regina + 25 operaie )
Pheidole pallidula ( regina + 40 operaie + 5 soldati)
Lasius sp. ( regina + 200 operaie ), regalate da Milos
Camponotus lateralis (regina + 20 operaie)
Messor minor (regina + 100 operaie), regalate da Mirz

Ultimo aggiornamento (01/09/14).
Avatar utente
Metis
uovo
 
Messaggi: 57
Iscritto il: 30 mar '12
Località: Modena
  • Non connesso

Re: Il modo migliore per "ridurre" un formicaio troppo grand

Messaggioda Luca.B » 29/08/2012, 20:36

Non posso, perchè nel lato vengono inserire le guide che tengono su il vetro e sulle quali lo stesso scorre. :unsure:

Potrei mettere il blocco dietro le stanze...ma così perderebbe anche l'estetica naturale (sarebbe un pugno in un occhio questo piastrone bianco che attraversa tutte le stanze).

Posto inoltre come pavimento della cella, è più facile che venga usato per starci sopra...anche se molte specie appendono gli stadi giovanili. :unsure:

No...per me la cosa migliore, al momento, è continuare così. Anche se effettivamente l'idea di porlo dietro non mi dispiace (se riuscirò a pensare ad un modo per celarlo)...
Formiche in allevamento:
C.herculeanus-C.ligniperda-C.lateralis-C.vagus-C.fallax-Myrmica sabuleti-Dolicoderus quadripunctatus-M.scabrinodis-Messor capitatus-M.wasmanni-M.minor-Temnothorax unifasciatus-Crematogaster scutellaris-Polyergus rufescens-Lasius emarginatus-L. flavus-Lasius niger-Lasius umbratus-Lasius fuliginosus-Pheidole pallidula-Solenopsis fugax
Avatar utente
Luca.B
moderatore
 
Messaggi: 5905
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Modena
  • Non connesso

Re: Il modo migliore per "ridurre" un formicaio troppo grand

Messaggioda guido » 29/08/2012, 23:43

ma questa ghiaia vulcanica dove l'hai trovata? mon si tratta dell'argilla espansa per le piante vero?
guido
uovo
 
Messaggi: 78
Iscritto il: 7 lug '12
  • Non connesso

Re: Il modo migliore per "ridurre" un formicaio troppo grand

Messaggioda Luca.B » 30/08/2012, 0:09

Certo che no. :smile:

Si tratta di roccia lavica tagliata finemente (ma non sabbia). Ha una granulometria delle dimensioni della ghiaia da acquario.
Come dicevo si trova nei negozi di acquariologia. Non so quale marca la produca oltre la JBL (che è quella che ho preso io). Personalmente in tanti anni di allevamento di pesci l'ho trovata prodotta solo da loro. :unsure:

In ogni modo ho proprio ora finito un formicaio ibrido per Myrmica sp. ed ho provato questa tecnica con questa ghiaia. Vediamo come reagirà la colonia... :smile:
Formiche in allevamento:
C.herculeanus-C.ligniperda-C.lateralis-C.vagus-C.fallax-Myrmica sabuleti-Dolicoderus quadripunctatus-M.scabrinodis-Messor capitatus-M.wasmanni-M.minor-Temnothorax unifasciatus-Crematogaster scutellaris-Polyergus rufescens-Lasius emarginatus-L. flavus-Lasius niger-Lasius umbratus-Lasius fuliginosus-Pheidole pallidula-Solenopsis fugax
Avatar utente
Luca.B
moderatore
 
Messaggi: 5905
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Modena
  • Non connesso

Re: Il modo migliore per "ridurre" un formicaio troppo grand

Messaggioda guido » 30/08/2012, 0:33

grazie di tutto, comunque penso che si possa trovare anche nei negozzi di giardinaggio perchè ho trovato su internet che viene utilizzata come substrato per i bonsai...
guido
uovo
 
Messaggi: 78
Iscritto il: 7 lug '12
  • Non connesso

Re: Il modo migliore per "ridurre" un formicaio troppo grand

Messaggioda tulindo » 30/08/2012, 8:05

Il formicaio ibrido 3.1 variante ghiaia lavica ;) non potrebbe anche essere fatto con il lato lungo in basso?
In questo modo sul fondo ci potrebbero essere due stanze con pavimento in gasbeton entrambe umide e con una inizialmente riempita di ghiaia :unsure:
In questo modo si avrebbe un solo impianto di umidificazione e pertanto forse sarebbe più semplice da gestire :unsure:
In allevamento:
- Cornelia (Crematogaster scutellaris) con oltre 100 operaie e covata abbondante Diario
- Trilly (Lasius flavus) con oltre 300 operaie e covata
- Mafalda (Camponotus ligniperda) Diario
- Jessica (Lasius emarginatus) con 150 operaie
- Lina (Camponotus herculeanus) con 50 operaie
- Alice (Manica rubida) con 8 operaie
- Ittica (Formica sp.) con 150 operaie
Avatar utente
tulindo
minor
 
Messaggi: 649
Iscritto il: 29 feb '12
Località: Sondrio
  • Non connesso

Re: Il modo migliore per "ridurre" un formicaio troppo grand

Messaggioda freccia77 » 30/08/2012, 8:28

In ogni modo ho proprio ora finito un formicaio ibrido per Myrmica sp. ed ho provato questa tecnica con questa ghiaia. Vediamo come reagirà la colonia...

ma sforni formicai alla velocità della luce :-o , io fatico a trovare il tempo per farne uno :oops: !
Avatar utente
freccia77
larva
 
Messaggi: 157
Iscritto il: 11 mar '11
Località: Trecate (NO)
  • Non connesso

Re: Il modo migliore per "ridurre" un formicaio troppo grand

Messaggioda mirz » 30/08/2012, 8:52

.
Scusa Luca, ma il prodotto a cui ti riferisci è in particolare il JBL - "Manado"?

Spoiler: mostra
manado.jpg
manado.jpg (42.07 KiB) Osservato 5740 volte
Avatar utente
mirz
moderatore
 
Messaggi: 281
Iscritto il: 8 dic '11
Località: Roma
  • Non connesso

Re: Il modo migliore per "ridurre" un formicaio troppo grand

Messaggioda Luca.B » 30/08/2012, 9:42

:uhm: :shocked:

Gli hanno cambiato nome, da quando lo comprai io...ma si, direi che è quello. :yellow:
Formiche in allevamento:
C.herculeanus-C.ligniperda-C.lateralis-C.vagus-C.fallax-Myrmica sabuleti-Dolicoderus quadripunctatus-M.scabrinodis-Messor capitatus-M.wasmanni-M.minor-Temnothorax unifasciatus-Crematogaster scutellaris-Polyergus rufescens-Lasius emarginatus-L. flavus-Lasius niger-Lasius umbratus-Lasius fuliginosus-Pheidole pallidula-Solenopsis fugax
Avatar utente
Luca.B
moderatore
 
Messaggi: 5905
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Modena
  • Non connesso

Re: Il modo migliore per "ridurre" un formicaio troppo grand

Messaggioda Luca.B » 30/08/2012, 9:48

tulindo ha scritto:Il formicaio ibrido 3.1 variante ghiaia lavica ;) non potrebbe anche essere fatto con il lato lungo in basso?
In questo modo sul fondo ci potrebbero essere due stanze con pavimento in gasbeton entrambe umide e con una inizialmente riempita di ghiaia :unsure:
In questo modo si avrebbe un solo impianto di umidificazione e pertanto forse sarebbe più semplice da gestire :unsure:


C'è sempre il problema che per una colonia molto piccola in un formicaio grande stare in una stanza troppo lontana dall'uscita verso l'arena può portare la colonia a non uscire mai...e, quindi, a faticare ad alimentarsi. :unsure:

Per quello preferirei lasciare libere le solo due stanze superiori. :smile:

freccia77 ha scritto:ma sforni formicai alla velocità della luce :-o , io fatico a trovare il tempo per farne uno :oops: !


Li faccio a rate... :yellow:

Ma si, la variante ibrido, una volta preparato il contenitore in legno che funge da stampo, lo si fa in si e no mezzora. Poi ci vogliono diversi giorni per lasciare la placca ben asciugare (infatti faccio diversi stampi e poi con calma, pian piano che si asciugano, li completo) e si e no mezzora per montare l'arena e il serbatoio.

Insomma, togliendo i tempi di asciugatura (in cui non devi fare nulla) il lavoro effettivo per realizzare questi formicai è si e no un'ora che, diviso necessariamente in due volte, non è un gran impegno. :smile:
Formiche in allevamento:
C.herculeanus-C.ligniperda-C.lateralis-C.vagus-C.fallax-Myrmica sabuleti-Dolicoderus quadripunctatus-M.scabrinodis-Messor capitatus-M.wasmanni-M.minor-Temnothorax unifasciatus-Crematogaster scutellaris-Polyergus rufescens-Lasius emarginatus-L. flavus-Lasius niger-Lasius umbratus-Lasius fuliginosus-Pheidole pallidula-Solenopsis fugax
Avatar utente
Luca.B
moderatore
 
Messaggi: 5905
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Modena
  • Non connesso

Re: Il modo migliore per "ridurre" un formicaio troppo grand

Messaggioda tulindo » 30/08/2012, 10:13

Luca.B ha scritto:C'è sempre il problema che per una colonia molto piccola in un formicaio grande stare in una stanza troppo lontana dall'uscita verso l'arena può portare la colonia a non uscire mai...e, quindi, a faticare ad alimentarsi. :unsure:

Si è vero, non ci avevo pensato... però se fai anche l'uscita a metà altezza e l'arena la metti di fianco (almeno inizialmente) e non sopra :unsure:
Certo che con l'arena sopra e il formicaio verticale hai di certo meno spazio occupato... e per chi, come te, ha migliaia di formicai è un vantaggio ;)

Ma con la doppia umidificazione a regime avrai due zone umide attive oppure pensi che ti basterà quella in fondo? ( ovvero 1 o 2 tubicini di ingresso per l'acqua? )
In allevamento:
- Cornelia (Crematogaster scutellaris) con oltre 100 operaie e covata abbondante Diario
- Trilly (Lasius flavus) con oltre 300 operaie e covata
- Mafalda (Camponotus ligniperda) Diario
- Jessica (Lasius emarginatus) con 150 operaie
- Lina (Camponotus herculeanus) con 50 operaie
- Alice (Manica rubida) con 8 operaie
- Ittica (Formica sp.) con 150 operaie
Avatar utente
tulindo
minor
 
Messaggi: 649
Iscritto il: 29 feb '12
Località: Sondrio
  • Non connesso

PrecedenteProssimo

Torna a Costruire un Formicaio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 33 ospiti