Tapinoma nigerrimum

Tapinoma nigerrimum

Messaggioda MisterA » 04/05/2017, 22:08

Buonasera a tutti!
In seguito all'identificazione della specie, ho deciso di aprire un diario riguardo ad una colonia di Tapinoma nigerrimum che ho raccolto ieri.
Prima di cominciare a dire che ciò non andrebbe fatto, per favore leggete tutto il post.

4-5-2017
Dopo un pomeriggio passato a fare vari lavoretti sui gradini di casa era finalmente arrivato il tempo di rientrare in casa e cominciare a studiare. Varcando la soglia, però, mi è caduto l'occhio verso il basso e questo è quello che ho visto:
Spoiler: mostra
Immagine

Una colonia di formiche si era piazzata proprio sullo stipite della porta e non accennava a muoversi.
Ecco evidenziata una delle regine:
Spoiler: mostra
Immagine

Osservando meglio la situazione, ho anche notato uno scout di Lasius emarginatus. Ma questo, incontrando la retroguardia della colonia (la zona più in basso, vicino alla soglia), ha ben deciso di scappare.

Momenti dopo, però, la Lasius hanno cominciato a moltiplicarsi. Un gran numero stava accorrendo a gran velocità.
Spoiler: mostra
Immagine

La colonia in fase di trasferimento sembrava frastornata: le operaie che entravano in contatto con le emarginatus se la davano a gambe e non accennavano a lottare. Ben presto la colonia ha quindi cominciato a sfilacciarsi e disperdersi, mentre gli attaccanti ricompensavano così le frastornate operaie di Tapinoma nigerrimum:
Spoiler: mostra
Immagine

Un massacro!

Visto che le opzioni per la colonia erano di: a) venire massacrata dalle Lasius o b) in qualche modo fuggire e rifugiarsi in casa mia, ho rapidamente valutato che la cosa migliore da fare per loro era essere catturate. Quindi, armato di contenitore, carta, olio, cellophane e pennello mi sono dedicato alla missione.

NOTA: nel mio caso la scelta era tra lasciar morire la colonia o catturarla e ho scelto la seconda opzione. Nonostante questo sono riuscito a salvarne circa la metà e non molte di più: questo in condizioni ottimali con tutta la colonia pronta per essere spennellata via dalla superficie su cui era. Sconsiglio caldamente di recuperare colonie di formiche nel loro ambiente naturale, soprattutto se ben stabilite in terra o dentro a legni.

Il risultato è stato...decente. Come anticipato credo di aver salvato circa metà colonia (considerando i fuggitivi e i morti causati da me). Questa era la colonia nel contenitore momentaneo:
Spoiler: mostra
Immagine

Al bilancio delle operaie si sommava quello delle regine: 3 sopravvissute e 2 morte. Ma quando sono andato per fare le foto alle regine morte, ecco la sorpresa!
Spoiler: mostra
Immagine

Quindi, 4 regine vive e una sola morta. Poteva andare peggio!

Successivamente sono state trasferite nel setup permanente (almeno per ora), che è questo qui:
Spoiler: mostra
Immagine

Nelle ore successive (e anche il giorno dopo!) mi son dedicato a recuperare i fuggitivi: almeno una trentina sono tornati a casa, facendo salire di qualcosa il bilancio dei sopravvissuti. Erano così gentili da mettersi in gruppetti sul bordo delle pietre, pronte per essere spennellate nel contenitore:
Spoiler: mostra
Immagine

Spoiler: mostra
Immagine


Queste sono loro che si gustano una goccia di miele mista ad una di acqua: il loro primo pasto dopo la cattura!
Spoiler: mostra
Immagine

Un'immagine della covata miracolosamente sopravvissuta a tutto il trambusto:
Spoiler: mostra
Immagine

E infine una visione d'insieme:
Spoiler: mostra
Immagine



So che nel forum è condannata la cattura di colonie e non posso far altro che condividere questa posizione; vi prego di capire che per me la scelta era di lasciar morire la colonia o di cercare di tenerla in vita prendendola. Spero che accettiate questo diario nel forum :-?

Detto questo, spero di dover presto aggiornare con qualche fatto saliente; come prima cosa cercherò di trovare un contenitore più idoneo, magari trasparente. Quello che uso adesso ha un piccolo antifuga per quando controllo, ma sopra c'è il coperchio in modo da sigillare il tutto.

A presto! :-D
Spoiler: mostra
Tapinoma nigerriumum ~200 operaie, 4 regine
Pheidole pallidula in fondazione
Lasius niger in fondazione
Lasius emarginatus in fondazione
Avatar utente
MisterA
uovo
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 12 mar '17
Località: Cividale del Friuli, UD
  • Non connesso

Re: Tapinoma nigerrimum

Messaggioda Sara75 » 05/05/2017, 8:57

L'osservazione è in effetti interessante, la colonia di Tapinoma era probabilmente impegnata in una gemmazione naturale quando ha incontrato difficoltà ed è stata attaccata dalle Lasius emarginatus.
La riproduzione delle Tapinoma prevede la gemmazione, quindi non vedo interventi dannosi nel prelevare la porzione di colonia che si stava trasferendo.
Ora sta a te allevarle al meglio, e aggiornare il diario. ;)
„L'uomo nella sua arroganza si crede un'opera grande, meritevole di una creazione divina. Più umile, io credo sia più giusto considerarlo discendente degli animali.“ _Charles Darwin.

http://pikaia.eu/
Avatar utente
Sara75
moderatore
 
Messaggi: 2088
Iscritto il: 12 ott '13
Località: Genova
  • Non connesso

Re: Tapinoma nigerrimum

Messaggioda MisterA » 07/05/2017, 13:11

Prima osservazione: seppur stanno consumando proteine da me fornite (insetti morti), più volte ho osservato che portano le loro formiche morte dentro al loro nido (provetta). Non so spiegare bene il perché di questo comportamento.
Spoiler: mostra
Tapinoma nigerriumum ~200 operaie, 4 regine
Pheidole pallidula in fondazione
Lasius niger in fondazione
Lasius emarginatus in fondazione
Avatar utente
MisterA
uovo
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 12 mar '17
Località: Cividale del Friuli, UD
  • Non connesso

Re: Tapinoma nigerrimum

Messaggioda MisterA » 12/05/2017, 20:37

Nuove arrivate!

Situazione praticamente identica a quella precedente. Questa volta le formiche erano a 30 cm dal posto precedente, e le Lasius emarginatus non si erano ancora attivate. Ho proceduto alla collezione di tutte le formiche che ho potuto vedere. Questa volta 0 morti, 0 (o quasi) evasi.

Gruppo 1:
Spoiler: mostra
Immagine

Gruppo 2:
Spoiler: mostra
Immagine

Contenitore momentaneo con un posto per mettersi all'ombra così si agitano di meno (infatti son tutte lì sotto):
Spoiler: mostra
Immagine

Trasferimento completato:
Spoiler: mostra
Immagine

Questa volta le nuove operaie erano almeno un 80ina. Stranamente, non c'era nemmeno una regina. Probabilmente queste erano le evase dalla prima campagna di raccolta? Credo ne fossero scappate di meno, ma non posso dire.

Ancora non riesco a capire dove sia il nido da cui provengono, visto che le emarginatus hanno il nido proprio sotto il gradino della porta e che hanno dei percorsi che costeggiano tutto il muro per una decina di metri. Probabilmente vengono dal tetto o comunque da sopra, visto che in terrazzo alberga una colonia di Crematogaster schmidti.

Nel contenitore dove le ho trasferite potete invece vedere che si sta già accumulando spazzatura. Con questo trasferimento la provetta è praticamente piena, e ci sono una 30ina di uova che avevano con loro durante i vari trasferimenti che si stanno sviluppando. Sarà meglio preparare un nido?
Spoiler: mostra
Tapinoma nigerriumum ~200 operaie, 4 regine
Pheidole pallidula in fondazione
Lasius niger in fondazione
Lasius emarginatus in fondazione
Avatar utente
MisterA
uovo
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 12 mar '17
Località: Cividale del Friuli, UD
  • Non connesso

Re: Tapinoma nigerrimum

Messaggioda MisterA » 18/05/2017, 19:23

Buonasera a tutti,
scrivo qua visto che lo scopo di un diario è anche quello di imparare dagli altri.

La colonia ormai conta più di 150 individui e sono allegramente annidate dentro ad una provetta. Quest'ultima è stata spostata dal setup precedente in uno nuovo, e nel trasloco ho deciso di aggiungere un ubichino d'entrata così che il nido sia più umido e confortevole (erano tutte ammassate verso il cotone bagnato prima). Inoltre, hanno la tendenza a piazzare tutti i rifiuti fuori dalla porta e nella nuova sistemazione avrebbero sporcato l'angolo, rendendomi impossibile la pulizia.

Detto questo, la domanda: è normale che per una colonia così grande ci siano fuori solamente 2-5 formiche a foraggiare? Prima di inserire il tubo all'ingresso ce n'erano almeno una decina. Vuol dire che son belle che rimpinzate e non hanno fame, o è un segno che qualcosa non va? Al momento sono a 20°C e la covata si sta sviluppando, ma ora le trasferisco in una "incubatrice" a 25°C.

Qui qualche foto delle... operaie a foraggiare, della covata (non credo ci siano ancora state deposizioni) e dell'incubatrice con termostato:
Spoiler: mostra
Immagine

Spoiler: mostra
Immagine

Spoiler: mostra
Immagine

Spoiler: mostra
Immagine
Spoiler: mostra
Tapinoma nigerriumum ~200 operaie, 4 regine
Pheidole pallidula in fondazione
Lasius niger in fondazione
Lasius emarginatus in fondazione
Avatar utente
MisterA
uovo
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 12 mar '17
Località: Cividale del Friuli, UD
  • Non connesso

Re: Tapinoma nigerrimum

Messaggioda yurj » 19/05/2017, 10:13

La sistemazione direi che va bene, controlla che possano uscire dalla provette e che il tubo non sia tappato dal contenitore, ma date le loro piccole dimensioni credo se la possano cavare anche da sole.

Per il numero di operaie in arena devi contare che comunque 150 operaie non sono poi tantissime, se poi sono quasi tutte uova e poche larve non hanno ancora tutto questo gran bisogno di cibo; inoltre i 20°C erano abbastanza bassi mentre ora avendole portate a 25°C vedrai che l'attività aumenterà!

Lasciale così e continua a monitorare la situazione, attenzione alle fughe e buon allevamento!
Spoiler: mostra
In fondazione:
Formica (Formica) sp. con serve di F. sanguinea
Lasius fuliginosus

In allevamento:
C. cruentatus - C. ligniperda - C. nylanderi - C. vagus
F. sanguinea
Lasius emarginatus
Lasius (Chthonolasius) distinguendus con serve di Lasius niger
Myrmica hellenica
Avatar utente
yurj
moderatore
 
Messaggi: 1745
Iscritto il: 4 mar '15
Località: Lugagnano Val d'Arda (Pc)
  • Non connesso

Re: Tapinoma nigerrimum

Messaggioda MisterA » 19/06/2017, 22:49

Facciamo un po' il punto della situazione. Nello scorso mese la colonia è rimasta felicemente dentro alla provetta che avevo fornito loro. A dire il vero, appena trasferitesi le formiche si erano barricate dentro e quasi nessuna usciva, tanto che per più di 2 settimane sono rimaste dentro accumulando l'immondizia e scavando il cotone. Poi, di punto in bianco, han deciso di uscire: quanto veloce si sporca l'arena!

25-5-2017 T 25°C

Situazione stabile, come riportato precedentemente. Nessuna operaia intenta a foraggiare. Comincia l'incubazione a 25°C.
Spoiler: mostra
Immagine


5-6-2017 T 26°C

Finalmente le formiche sono uscite! Anzi, stanno fin troppo fuori. La foto non rende, ma spesso l'interno della provetta è semivuoto e la maggior parte delle formiche sono nella cannuccia d'ingresso o all'uscita della stessa. Si raggruppano lì fuori e restano immobili. Strano.

Esperimenti con miele di castagno, acacia, zucchero normale e di canna sono stati fatti. Sembrano preferire di gran lunga lo zucchero di canna. Se il liquido è offerto in provetta con cotone, lo disdegnano. Non ho problemi a darlo in gocce.
Come proteine mangiano sempre più drosofile. Drosofile perché visto che mi sentivo scemo ad andare a caccia di insetti in giardino, grazie alla "sponsorizzazione" della mia scuola ne ho cominciato una eccessivamente prolifica cultura. Tutte quelle in più finiscono dritte alle colonie che ho intorno a casa, sembrano apprezzare pure loro :-D
Spoiler: mostra
Immagine


17-6-2017 T 27°C

Causa morti sospette in arena, mi sono reso conto di aver fatto un grande errore: non c'era nessuna provetta da cui potessero bere!. Così ho cercato prontamente rimedio e ho inserito una provetta con acqua vicino a quella in cui avevano il nido.
Quest'ultima provetta era ormai... senza formiche! Erano tutte fuori ferme a far nulla. Sulla sinistra si può vedere ancora un'operaia intenta a scavare.
Spoiler: mostra
Immagine

Nella provetta l'unica cosa rimasta era praticamente la covata.
Spoiler: mostra
Immagine

L'aggiunta della provetta con acqua ha subito riscosso un gran successo. Si può vedere qualche formica con il gastro molto dilatato, segno che han gradito e bevuto in abbondanza (poi più tardi quasi tutte le formiche avevano il gastro molto gonfio).
Spoiler: mostra
Immagine


19-6-2017 T 27°C

Covata! Uova, larve e ancora uova! E si sono trasferite!

Ebbene sì. La provetta che avevo piazzato in arena è stata più che gradita, tanto che nella notte si sono trasferite. perché lasciare un posto al buio, con un accesso protetto e ristretto, ormai modificato a piacere? E questo per ficcarsi in una luminosa provetta aperta? Non ne ho idea. Forse non gradivano l'umidità? Era eccessiva?
Il trasferimento ha avuto anche risvolti positivi: la covata ora si vede in tutta la sua dimensione.

Ecco cos'è rimasto nella provetta vecchia, ora lasciata alla luce. Intendo rimuoverla appena l'abbandonano completamente: ho ancora il sospetto che dentro si celino qualche uova.
Spoiler: mostra
Immagine

Dietro si intravedono le uova e larve. Per scopi fotografici, ho disturbato un po' tutti e prelevato la provetta. Devo dire che sono davvero formiche tranquille. L'unica cosa che le agita (stanno sempre raggruppate da qualche parte) è soffiare in arena o far vibrare il tavolo su cui sono poste.
Spoiler: mostra
Immagine

Spoiler: mostra
Immagine

Spoiler: mostra
Immagine

Sto fornendo molte più drosofile ora (anche 4 o più al giorno) e saltuariamente qualche zanzara che osa avvicinarmi :lol: Appena si mette qualcosa in arena una formica si butta sopra: sono molto efficienti a trasportare moscerini e per le zanzare in qualche modo si aiutano. Finisce tutto in provetta e poi più nulla. Interessante è il fatto che a volte, trovata la drosofila procedono come prima cosa a staccare le ali; dev'essere un sistema d'attacco, perché se le trovano a posteriori le prendono e portano in arenare quelle.

E quindi eccoci qui.
L'arena forse sta diventando un po' piccola e progetto di cambiarla, anche perché la barriera in talco non è efficacissima. Purtroppo riescono ad attraversarla (seppur con qualche problema, sono molto rare le volte in cui la varcano) e questo mi spinge ad introdurre un sistema antifuga orizzontale (sul soffitto).

Vi terrò aggiornati e la prossima volta spero di parlare di qualche schiusa! :)
Spoiler: mostra
Tapinoma nigerriumum ~200 operaie, 4 regine
Pheidole pallidula in fondazione
Lasius niger in fondazione
Lasius emarginatus in fondazione
Avatar utente
MisterA
uovo
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 12 mar '17
Località: Cividale del Friuli, UD
  • Non connesso

Re: Tapinoma nigerrimum

Messaggioda yurj » 20/06/2017, 21:28

Vedrai che quando aumentano molto di numero non saranno più così tranquille, :-D e ti serve assolutamente un antifuga fatto mischiando olio e grasso di vaselina in parti uguali in modo che non coli, meglio se spalmato su un bordo a tetto invece che sulla parete verticale.

Credo tu possa benissimo aumentare l'apporto proteico alla colonia e dare qualcosa di più consistete come mezzi grilli o cavallette, pezzi di bruchi, farfalle notturne, mosche ecc.. Andare a vanti a drosophile significa che poi te ne servono dei secchi ogni giorno :lol:

Ricordati sempre che l'acqua non deve mai mancare, con questo caldo poi si rischiano morie in pochissimo tempo; si sono trasferite in quella provette perché evidentemente l'umidità era quella giusta se nell'altra il cotone era asciutto! Alla luce si abituano piuttosto velocemente e non ne sono più infastidite, al contrario di vibrazione che rimangono sempre stressanti.
Spoiler: mostra
In fondazione:
Formica (Formica) sp. con serve di F. sanguinea
Lasius fuliginosus

In allevamento:
C. cruentatus - C. ligniperda - C. nylanderi - C. vagus
F. sanguinea
Lasius emarginatus
Lasius (Chthonolasius) distinguendus con serve di Lasius niger
Myrmica hellenica
Avatar utente
yurj
moderatore
 
Messaggi: 1745
Iscritto il: 4 mar '15
Località: Lugagnano Val d'Arda (Pc)
  • Non connesso

Re: Tapinoma nigerrimum

Messaggioda equinox » 21/06/2017, 13:48

Buon giorno,

chiedo a voi cher avte senz' altro + esperienza di me.

Tra Tapinoma nigerrimum & Lasius grandis qual'è la + agressiva contro altre formiche e quale si cibano di insetti ?

Grazie
equinox
uovo
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 16 lug '12
  • Non connesso

Re: Tapinoma nigerrimum

Messaggioda MisterA » 22/06/2017, 19:55

equinox ha scritto:Buon giorno,

chiedo a voi cher avte senz' altro + esperienza di me.

Tra Tapinoma nigerrimum & Lasius grandis qual'è la + agressiva contro altre formiche e quale si cibano di insetti ?

Grazie


Dal primo punto purtroppo non ti posso aiutare, in quanto non ho esperienza con la seconda specie. Riguardo al consumo di insetti, posso invece dirti che entrambe ne consumano: per ogni specie di formiche sono necessarie proteine e gli insetti sono la fonte proteica più diffusa e semplice da cacciare in natura.



Ora invece una domanda la faccio io. Visto che l'arena si è rapidamente sporcata e soprattutto è molto affollata, pensavo di raddoppiarla nelle dimensioni. La domanda è rivolta soprattutto al futuro, visto che per adesso anche raddoppiandola nell'incubatrice ci entra comunque: è sconsigliabile avere il nido più caldo dell'arena?
Mi spiego: in casa ho una temperatura massima di circa 26 gradi (e solo in estate!), mentre le formiche le tengo stabilmente a 27. Soprattutto in primavera/autunno, è un problema se l'arena è a, diciamo, 18/20 gradi mentre il nido rimane a 27?

E grazie per i suggerimenti, sempre preziosi!

Oggi ho fornito un grillo e in pochi minuti han staccato le prime zampe. Dopo un'ora trasportavano il guscio vuoto.
Spoiler: mostra
Immagine

L'aggiornamento dell'antifuga lo farò appena metto in opera la nuova arena :)
Ultima modifica di MisterA il 22/06/2017, 20:51, modificato 3 volte in totale.
Spoiler: mostra
Tapinoma nigerriumum ~200 operaie, 4 regine
Pheidole pallidula in fondazione
Lasius niger in fondazione
Lasius emarginatus in fondazione
Avatar utente
MisterA
uovo
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 12 mar '17
Località: Cividale del Friuli, UD
  • Non connesso

Re: Tapinoma nigerrimum

Messaggioda equinox » 22/06/2017, 20:03

GRazie MIsterA per la risposta. Essendo nuovo con le formiche, io non ti so aiutare nella tua domanda.

Grazie
equinox
uovo
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 16 lug '12
  • Non connesso

Re: Tapinoma nigerrimum

Messaggioda yurj » 23/06/2017, 10:54

MisterA ha scritto:Ora invece una domanda la faccio io. Visto che l'arena si è rapidamente sporcata e soprattutto è molto affollata, pensavo di raddoppiarla nelle dimensioni. La domanda è rivolta soprattutto al futuro, visto che per adesso anche raddoppiandola nell'incubatrice ci entra comunque: è sconsigliabile avere il nido più caldo dell'arena?
Mi spiego: in casa ho una temperatura massima di circa 26 gradi (e solo in estate!), mentre le formiche le tengo stabilmente a 27. Soprattutto in primavera/autunno, è un problema se l'arena è a, diciamo, 18/20 gradi mentre il nido rimane a 27?


Se scaldi il nido mentre l'arena è a temperatura ambiente non crea problemi, ovviamente se il nido è a 28°C e l'arena a 15°C non è la situazione ideale, ma se già l'arena sta a 20°C le formiche dovrebbero uscire a foraggiare.
Se tieni l'arena appoggiata sopra il nido nella classica struttura che rievoca il nido sotterraneo e l'arena posta sopra a richiamare il terreno, scaldando il nido con cavetti o tappeti il calore andando verso l'alto scalderà anche la superficie dell'arena quel che basta per non avere eccessivo sbalzo termico.
Spoiler: mostra
In fondazione:
Formica (Formica) sp. con serve di F. sanguinea
Lasius fuliginosus

In allevamento:
C. cruentatus - C. ligniperda - C. nylanderi - C. vagus
F. sanguinea
Lasius emarginatus
Lasius (Chthonolasius) distinguendus con serve di Lasius niger
Myrmica hellenica
Avatar utente
yurj
moderatore
 
Messaggi: 1745
Iscritto il: 4 mar '15
Località: Lugagnano Val d'Arda (Pc)
  • Non connesso

Re: Tapinoma nigerrimum

Messaggioda MisterA » 28/06/2017, 17:18

Rieccoci!

Seguendo i consigli di yurj, ho aumentato la dose giornaliera di proteine... e gradiscono! Magari ora esagero, però un grillo ogni due giorni se lo mangiano ed integro con qualsiasi cosa mi capita tra le mani (mosche, zanzare, farfalline).

Ora un'altro suggerimento.
Visto che l'arena ormai è un po' piccola, pensavo di raddoppiarla. Ma in questi ultimi giorni ho recuperato delle regine di Lasius sp. e loro occupano la restante parte dell'incubatrice, quindi non c'è spazio per un'arena più grande.
Allora ho deciso di ripulire quella che hanno adesso. In particolare, il grande provettone al centro riempe tutto quanto ed è poco usato.
Spoiler: mostra
Immagine

Ciononostante, dentro ci sono sempre un 10-20 formiche e qualche larva, quindi non posso toglierlo e via. Come posso fare a farle trasferire fuori? Provo a piazzare una lampadina così la temperatura diventa eccessiva e si trasferiscono? Il problema è che tutto è più complicato perché lo spazio è davvero poco, e vicino ci son le altre provette che devono restare abitate.
Spoiler: mostra
Tapinoma nigerriumum ~200 operaie, 4 regine
Pheidole pallidula in fondazione
Lasius niger in fondazione
Lasius emarginatus in fondazione
Avatar utente
MisterA
uovo
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 12 mar '17
Località: Cividale del Friuli, UD
  • Non connesso

Re: Tapinoma nigerrimum

Messaggioda yurj » 29/06/2017, 9:09

Prendi la provetta, togli il cotone e dai dei colpi con le dita finché non cadono tutte le formiche, se qualche larva rimane attaccata al vetro andrà poi spostata manualmente con uno stuzzicadenti. Le operaie caduta in arena saranno per qualche momento nel panico, ma poco dopo tutto torna normale.
Spoiler: mostra
In fondazione:
Formica (Formica) sp. con serve di F. sanguinea
Lasius fuliginosus

In allevamento:
C. cruentatus - C. ligniperda - C. nylanderi - C. vagus
F. sanguinea
Lasius emarginatus
Lasius (Chthonolasius) distinguendus con serve di Lasius niger
Myrmica hellenica
Avatar utente
yurj
moderatore
 
Messaggi: 1745
Iscritto il: 4 mar '15
Località: Lugagnano Val d'Arda (Pc)
  • Non connesso

Re: Tapinoma nigerrimum

Messaggioda MisterA » 03/07/2017, 19:20

3-7-2017 T 27°C

Sfratto avvenuto! Ho optato per un metodo un po' diverso da quello suggerito, ma ha avuto i suoi effetti.

Ho preso una lampadina 12V e l'ho collegata ai fili già presenti nell'incubatrice per il riscaldamento. Poi, con un po' di nastro adesivo e fortuna sono riuscito a farla penzolare in arena. Ho posizionato un foglio d carta protezione del nido, in modo che non si disturbassero. Appena accesa la luce, hanno cominciato ad accumulare pupe proprio nella provetta incriminata. Non ero felice! :x
Spoiler: mostra
20170628_204830.jpg
Ingegneria!

Qualche ora dopo, torno a controllare: magia delle magie, provetta vuota! Solo due temerarie dentro, che ho rimosso con qualche difficoltà in quanto prima ho dovuto rimuovere tutto il tappo di cotone (5 cm o più!) mangiato e riempito di rifiuti che avevano ben pensato di piazzare all'ingresso.

Senza provettone in mezzo, sono stato libero di fare qualche spostamento. Così è organizzata l'arena adesso. Oramai il gesso è davvero sporco!
Spoiler: mostra
20170702_221737A.jpg
Arena

Il cotone è impregnato d'acqua e serve per dare una fonte di umidità. Non sembra gradiscano liquidi sul cotone, quindi non bevono né da quel cotone, né da eventuali provette con liquidi zuccherini. Pertanto, gli zuccheri sono offerti su un tappo di bottiglia.
Ogni due giorni si mangiano un grillo come quello in foto (3-4 cm solo il corpo!) e tutte le zanzare che riesco ad ammazzare. Ma dove mettono tutto quel cibo?!

Nelle provette si vedono anche le prime pupe. Qualcuna è in fase di pigmentazione.
Spoiler: mostra
20170628_210748.jpg
Pupe

Nel frattempo le 4 regine continuano a deporre, la covata è davvero molta e per la fine dell'anno mi aspetto un grande aumento nella popolazione. Che dite, è il momento di organizzare un nuovo nido?

Mi sono anche attrezzato per il nuovo antifuga. Devo provare a togliere il talco senza fare un casino...
Spoiler: mostra
20170702_221829A.jpg
Antifuga
Spoiler: mostra
Tapinoma nigerriumum ~200 operaie, 4 regine
Pheidole pallidula in fondazione
Lasius niger in fondazione
Lasius emarginatus in fondazione
Avatar utente
MisterA
uovo
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 12 mar '17
Località: Cividale del Friuli, UD
  • Non connesso

Prossimo

Torna a Altri generi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite